Archivi del mese: gennaio 2019

Firenze

A Firenze per lavoro. Come un tempo. Come quando giravo naso in su senza poter smettere di meravigliarmi. Così bella da togliere le parole. Così bella da non poter chiudere gli occhi, per non sprecare neanche un istante di splendore. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Luxemburg(rosa)

così si chiamava il blogghino quando iniziò. Erano molte vite fa, vivevo a Lussemburgo e cercavo di tenere annodati i fili. E amavo, come amo ancora, Rosa Luxemburg, studiata a scuola con Karl Liebknecht e gli Spartakisten, amata a prima … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti

È lei

Ok. Fermate tutto. Fermate le incomprensibili dinamiche a sinistra del PD. fermate le primarie del PD. azzerate tutto. Ripartite da lei. Da quelle come lei. Da quelli come lei. Dalle persone come Elly Schlein. Appassionate e appassionanti, trasparenti, forti, preparate, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Il cielo di Roma

A anci è andata bene, una ribadita unità, la voglia di andare avanti, la forza per farlo. Rafforzare gli sprar, non lasciare le persone senza tutela, chiarezza sulle procedure, accesso alle cure. All’incontro col governo questi saranno i temi da … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Non un passo indietro

Stamani andiamo a Roma. Il sindaco ed io. A sentire gli altri sindaci, gli altri assessori, a capire come fare con questo decreto che mette in ginocchio le persone senza mettere in sicurezza le città. Lo chiamano decreto immigrazione e … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Una valigia

Sono iniziati i saldi in città e così, ieri sera, sulla strada di casa, ho guardato qualche vetrina. L’occhio mi è caduto su una valigia. LA valigia. La valigia perfetta. Leggerissima, ben fatta, ruote silenziose, spallacci per trasformarla in zaino, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Il prezzo da pagare

Ho sempre coltivato orchidee. All’inizio morivano di troppe cure: troppa acqua, troppo sole, troppo tutto. Poi ho imparato che sono piante gentili che si accontentano di poco: un po’ d’acqua ogni tanto (mai stagnante) un posto costante di luce e … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti