Archivio dell'autore: letteredalucca

Quando avremo finito i colpevoli

Mi ha molto sorpreso il salto di capro espiatorio temporaneo. Adesso siamo alla senatrice Segre, colpevole di essere stata deportata da bambina. Neanche le peggiori destre del momento berlusconano avevano osato tanto. Rom, immigrati sia bianchi che neri, omosessuali, sono … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 9 commenti

Questa roba è peggio del fascismo

Quello che mi spaventa di più in questi tempi bui, più del fascismo, è l’ignoranza. L’ignoranza, si badi bene, non di chi non ha potuto studiare e se ne cruccia: mia nonna aveva la terza elementare e invidiava suo marito, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

Numeri

pare un’impresa impossibile convincere dei quattordicenni che non sono numeri. Il registro elettronico, ma chi non ce l’ha usa la calcolatrice, rende la media sia della materia sia quella globale ad ogni voto ricevuto, e a ogni consegna di compiti … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Cose

Alla casa dell’arancio ancora continuano i lavori. Doveva essere una parete con una perdita, è stato rifatto il bagno, creato un corridoio nuovo, sistemati i corridoi vecchi, alcuni controsoffitti, allargata una porta, rifatte le scale della soffitta. La polvere è … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti

Due

Sono entrata e le ho viste. In sala insegnanti, pochi minuti prima di un consiglio di classe. La mia professoressa di matematica del liceo stava chiacchierando con la professoressa di inglese di mio fratello. E un cortocircuito improvviso mi ha … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Giornalismo

Me li ricordo, i giornali di carta. Come del resto ricordo le istruzioni degli insegnanti, dalle scuole medie fino all’università, relativamente ai testi scritti e alle immagini che li descrivevano. Se mettete un’immagine, una figura, dovete darle un nome, un … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Venezia sta sull’acqua

Venezia sono due città in una. In alcune strade Disneyland, con gli americani grassi, i tedeschi pastello, i giapponesi timidi. E poi basta svoltare un angolo, fingersi persi, camminare un metro, un metro solo più in là per vedere i … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti