Archivio dell'autore: letteredalucca

quasi fossimo in Germania

Ieri è stata una giornata luminosa di freddo cielo azzurro. Maggio fatica ad affermarsi, le rose da nonna sono ancora intabarrate nei boccioli, le ortensie ti guardano come a dire non sono pronta, inutile che insisti. I semi di prezzemolo … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Lenzuola

Stavolta il capitanfindus ha dato un assist perfetto ai suoi oppositori. Far rimuovere lo striscione che lo contestava ha non solo mostrato il suo nervosismo, ma ha dato la stura a tutta una serie di emuli fantasiosi e spassosissimi. Lenzuola … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti

Adieu. Una prece

Il piccolo aveva due amici immaginari, da molto tempo, con alti e bassi, momenti di amicizia più intensa e meno. Avevano nomi un po’ strani, Co e Cobleo, credo creati quando, preso alla sprovvista dalla domanda “come si chiamano i … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 6 commenti

Amiche

Rivedersi al volo. Dopo qualche anno nel quale è cambiato il mondo per molte di noi. Ritrovarsi mamme, intrepide, coraggiose, allegre. Ritrovare il carattere di ognuna, bellissimamente se stessa, così diverse e splendenti. Un panino, un dolcetto per le più … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Restiamo umani

Ho visto il nuovo poster di lucca comics and games. Il teatro del Giglio, un bacio fra una donna e un androide, non saprei se maschio o femmina, se bianco o nero, se europeo o africano, se etero o gay. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

Riparare, ripararsi

Adoro le biciclette, adoro andare in bici. Nella mia città una nuova, lunga pista ciclabile porta nel quartiere di Sant’Anna. A Sant’Anna c’è un nuovo parco giochi. Ma mancano le rastrelliere per le biciclette. Ci vanno messe, iobono! Ha detto … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Un ragazzo, al bar

Li ho sentiti per caso, due operai in pausa pranzo in un bar di paese. E non ce l’ho fatta a farmi gli affari miei. Seduti al tavolino, in mezzo al loro i resti del pranzo, in mano la tazzina … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti