Archivi del mese: luglio 2019

Il dovere

In consiglio comunale, l’altra sera, il sindaco ha ricordato la morte del giovane carabiniere e le morti, tante, troppe, che accadono nel nostro mare. La morte innocente, ha detto, deve agitare in noi un moto di coscienza. E ha detto … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Lernen lernen lernen

Mi appassiona vedere come il piccolo petardo impari cose che non ricordo più come avevo imparato io. Spingersi da solo sull’altalena, mandando le gambe avanti e indietro assecondando il pendolo, inclinare la schiena senza uscire dal sedile, capire che, quando … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

sotto la pioggia

Sotto la pioggia il giardino e l’orto hanno bevuto fino a ubriacarsi. Le ortensie gonfie di capelli hanno perfino chinato la testa fino a che le gocce non hanno smesso di cadere. Il limone e l’arancio hanno lasciato che l’acqua … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Sopra i tetti di lucca

Sfidando la canicola abbiamo portato amici tedeschi in giro per Lucca. Il disegno delle mura romane tracciato col dito sulla cartina, l’ovale perfetto dell’anfiteatro, la torre delle ore, le chiese imponenti e bianche abbaglianti, le fontane gentili, le strade sottili … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Grazie

Sono stata a portare i saluti dell’amministrazione al concerto finale dell’Accademia Vocale Malfatti, ragazzi stranieri (dall’accento direi americani) che vengono a studiare il bel canto in Italia, a Lucca, per la precisione. E io, che ci devo fare? Mi sono … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Il censimento dei radical chic

Cercavo un libro per il compleanno di un’amica e mi è capitato in mano questo, non ho resistito. Giacomo Papi è da me adorato e glorificato dai tempi di “Diario della settimana” e di quando scriveva di scienza su l’Unità … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Barbe rosse

Nell’orto del piccolo erano pronte da cogliere: barbe rosse tirate su dalle sue mani e messe in pentola a cuocere. Adoro le barbe rosse. Mi ricordano la cucina di mia nonna, a San Vito, in via Giorgini, con le piastrelle … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti