Archivi del mese: gennaio 2010

la bieca speculatrice (happy end)

ricordate mica qualche giorno fa quando avevo raccontato le mie peripezie postali italo-tedesche? chi fosse a corto di memoria può cliccare qui, gli altri, se ne hanno voglia, possono invece andare avanti con la storiella. il conquibusSE era che per … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 10 commenti

riborda qui berlino!

rieccomi nella capitale. dopo la capitale del mondo quella di germaGna. roma mi è piaciuta tanto, come sempre, mi ha inquietato pure tanto, come mai così tanto aveva fatto prima. cartelli alemannici, dichiarazioni del tipo: “grazie al PDL sconfitti i … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

due occhi sorridenti

e un sorriso grande. che ti  guarda come un giocattolo nuovo e misterioso, che balletta sulle gambe, che agguanta occhiali, capelli, pappa, tovaglia. che la guardi e pensi: “allora esiste la speranza che tutto andrà meglio”. perchè così è quella … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

fotine

ecco le prime fotine del roma tour. prima fotina: forza maggeca! seconda fotina: la sora lella? no, mejo! ecco la prova che sono uguale uguale a anitona ekberg! sempre a fontana di trevi, dove i giapponesi fotografano i piccioni  e … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 13 commenti

roma day uan

eccomi! è stata una lunga e molto bella giornata, la premiazione è stata divertente e ho mangiato un sacco di pizzette, il “mio” libro (il mio racconto è uno di centoundici, ma è comunque “mio” e sto gongolando come una … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 10 commenti

qui berlino

ecco lucettina a berlino! con herrdelciaro stiamo aspettando l’aereo per roma, la capitale, roma caput mundi et capannori vien secudi, diceva la minonna. domani la consegna del librino con dentro la mia storia (gongolo) del concorso parole in corsa. vedrò … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 13 commenti

io sono stato qui e nessuno racconterà la mia storia (scritta a bergen belsen)

“Eccole. Sono le rose del deserto, le rose di Atacama. Le piante sono sempre lì, sotto la terra salata. Le hanno viste gli antichi indios atacama, e poi gli inca, i conquistatori spagnoli, i soldati della guerra del Pacifico, gli … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 6 commenti