Archivi del mese: agosto 2018

Mi si nota di più se non vengo o se vengo e sto in disparte?

(Cit) Da mesi coltivo l’idea di mollare Facebook. Troppo brutto, rozzo, violento, volgare. Mi fa male leggerlo. Trovo sbagliato dare la stessa importanza a cani e porci e a ogni rutto libero sulla tastiera. Ultimamente perfino il blogghino fa i … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 13 commenti

Il giro del buccellato

A casa di nonna ida passa il giro del buccellato. È un percorso circolare, fatto da stradine di campagna, che fa un giretto di tre chilometri fra vigne, villette e campi. Ieri mattina mi sono detta che mi avrebbe fatto … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

L’avvocato

Il piccolo si spiega fin troppo bene. Giustifica, argomenta, disquisisce, conciona e pontifica come un principe del foro. Sempre pro domo sua. “Mamma, io vorrei che tu facessi una cosa per me…” Esordisce staccando gigino di maio di diverse lunghezze. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

La pacchia…

alla fine non li ha bloccati come temevamo. Gli saranno passati da sotto il naso. Ma il governo anche quest’anno ci ha confermato il bonus gratitudine. Che cos’è: sono soldi, soldi veri, che vengono destinati alle città che hanno fatto … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 6 commenti

d’acqua e di storie

Quando ero alle elementari la maestra portò tutti in gita “a casa mia”. Santina fece la pizza nel forno, spiegò come si faceva il vino e l’olio, cosa mangiavano le galline e cosa, invece, le mucche. Io ero insieme lusingata … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Alle 4 di mattina

Stanotte non dormo. A volte mi succede. Da un paio d’ore cambio cuscini, apro finestre, giro per casa, ascolto rumori. Penso a tutta quella gente prigioniera di una politica disumana, che ne colpisce 100 per educarne 1000, peggiore del peggiore … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 11 commenti

Le cose che pensavo di aver dimenticato

1. Ritrovare le scarpe fuori dalla porta e mettersele seduta sul primo gradino delle scale Succedeva così. Che bisognava togliersi le scarpe per entrare in casa. E uscendo si rimettevano. E io usavo il primo scalino del piano di sopra. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento