Archivi del mese: giugno 2012

femmine e business

reduce da un meeting importante, concluso bene, organizzato bene, insomma, tutto bene. verso metà della sessione mattutina entra nella stanza il responsabile business dell’altra azienda, che mi ritrovo al tavolo da pranzo poco dopo. oltre a lui, al tavolo con … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 14 commenti

cronaca (dal secondo tempo in poi)

visto che con l’inghilterra mi è garbato lo rifaccio. principia il secondo tempo e principia la mia cronaca. che dire… per esempio che sarebbe stato bello guardare questa partita al maxischermo sull’elba, con ines, e priska e thomas, e stephan … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 9 commenti

lucca, a bollore (post afoso)

la città ribolle, sono caldi i muri, calda la strada, calda l’aria, perfino il vento è caldo, come l’alito di un cane. passeggio lentamente, penso a quando andavo nelle saune, per scaldarmi un poco, seduta, la testa fra le mani … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , | 4 commenti

una volta

mi ricordo le foto degli arrestati di una volta, con una giacca davanti al viso, col giornale a coprire la vergogna delle manette, l’imbarazzo della colpa, la vergogna della condanna degli altri. me li ricordo, uscire di corsa dalla questura, … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti

il raduno

il raduno inizia al tramonto, quando la piazza diventa meno bollente e le luci in cielo soddisfano la voglia di kitsch dei più sognatori. lo aprono i gatti del cortile, col naso in su, cercando di capire chi arriverà per … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

cronaca di una partita

scrivo queste righe all’inizio del primo tempo supplementare. la partita, di bocce, (pétanque, per la precisione) è iniziata verso le otto, un punto mi’mà, un punto checco, zero punti io, non ne parliamo. quella di pallone invece ci ha visti … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 8 commenti

a lucca!

eccomi di  nuovo a casa. i gatti ruzzano, il marito sorride, i gabbiani ridono come matti fuori dalle finestre, radunandosi in combriccole cacone che riducono le macchine parcheggiate in comodi bersagli color mimetica. la valigia è ancora chiusa, dentro vestiti … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti