Archivi del mese: febbraio 2018

Odore di freddo

Il cucciolo si è addormentato in macchina, così il babbo l’ha portato su per le scale fino a letto e io ho parcheggiato. Lontano, che ci sono un po’ di lavori e parcheggiare non è semplice. Così, mentre il cruscotto … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

La demenza di Facebook

Eccoci arrivati all’apoteosi. Questa bufala è arrivata sulla mia pagina, condivisa da… un ragazzo richiedente asilo. Ve lo spiego meglio: una evidente bufala, incitante all’odio razziale (l’ho pure segnalata ai gestori di Facebook, ma pare si attivino solo se ci … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

zuppa!

Un sabato sera molto bello al bucaneve, il centro civico di santa Maria a Colle, vicino a dove sono cresciuta, vicino a dove il mio cuore batte. A Lucca ci si lamenta da secoli che non ci sono cose da … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Due anni

Facebook mi ripubblica una vecchia foto. Dice che sono passati due anni. Mi sembrano mille. È una foto di norso, in macchina, e di una manina, la sua, pronti entrambi per Pisa, per il mago gattone, per la prima operazione. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Acciughe

Quando cucino amo stare da sola. Oppure con Veri Amici. Ma non sono molti, quelli che sono ammessi a vedere le mie trogolezze, quando cucino amo soprattutto la segretezza. Da qualche settimana si è autoimposto un aiutante ficcanaso. Che fai? … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti

Da nonna, al volo

Domenica siamo passati da casa di nonna ida, addormentata, in letargo, in attesa della bella stagione. Ho potato le ortensie, sistemato le rose, controllato i danni del freddo alle piante lasciate all’aperto. Dietro di me il soldo di cacio, fiero … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

Come un bambino

Sono stata a prendere il cucciolo all’asilo. Dormiva ancora, ultimo, nella stanza della nanna, nel suo lettino e nella sua copertina. E mi hanno permesso di entrare, e di aspettare che si svegliasse. Così mi sono rannicchiata lì vicino, come … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti