I giorni dopo

I giorni dopo Natale decantano i regali ricevuti, che rimangono sotto l’albero scartati e pronti per giocare.

Sono giorni di pigiama, di lentezza, di casa.

Sono molto fortunata, lo so, sarei stata al lavoro oggi se fossi stata in un’azienda, o a fare l’assessora. O forse avrei spremuto la riserva dei giorni di ferie per fare ponte e tornare almeno lunedì.

Invece sono qui che faccio colazione e guardo uno gnomo montare un tabellone e cantare canzoni inventate e senza senso, col pigiama del procione.

Babbo Natale è stato di parola e ha esaudito i desideri.

Sei sicuro che troverai qualcosa? Sei sicuro di essere stato buono?

Io credo che alla fine perdoni tutti i bimbi, sai?

Ho tutta l’intenzione di vivere queste vacanze come si deve: come da bambina, aspettando prima natale, poi capodanno, e infine la befana, dolce e luttuosa insieme, per la fine delle feste che porta con sé.

Vi stringo tutti, passate dei bei giorni.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a I giorni dopo

  1. AD Blues ha detto:

    Secondo me il vecchiardo ha una sordità selettiva per i maggiori di 15 anni… :)
    Baci ed auguroni a tutti!

    —Alex

  2. marcoghibellino ha detto:

    riciclare gli avanzi del pranzo di Natale è stata dura, non disturbate per favore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...