Lidia

Nella scheda di matematica il piccolo aveva un piccolo problema, da corredare di disegno.

Il problema diceva “Lidia ha undici anni, il suo fratellino invece ne ha tre, quanti anni aveva Lidia quando il suo fratellino è nato?”

Il piccolo ha risolto il problema ma non sapeva cosa disegnare nel riquadro accanto al testo.

Per gli altri problemini era stato semplice, macchinine in più o in meno o conchiglie da sommare.

Ma come disegnare il tempo che passava?

Lui ha deciso di disegnare Lidia, da piccola.

Non è un Picasso nel disegno, farlo lo annoia, tira via e non colora mai.

Mi ha portato a vedere la scheda.

“senti, ma Lidia non la vuoi colorare?”

“ok…” Mi ha detto.

Le ha disegnato un fulmine e due stelle sulla maglietta, per avere meno blu da colorare per lo sfondo (ipse dixit), le ha colorato i capelli e quando è stato il momento del viso stavo passando da lì.

“quale rosa pensi di usare per la pelle?”

“no, non voglio il rosa, mi passi il marrone? Lidia è scura di pelle.”

Mi ha risposto.

Cari razzisti de noantri, lucettina ha fatto le scuole elementari negli anni ottanta e i visi erano di un solo colore. Rosa.

Mio figlio vive nel mondo di oggi e le bambine e i bambini non sono solo rosa.

Neanche quelle che si chiamano Lidia.

Fatevene una ragione.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Lidia

  1. pensierini ha detto:

    Grande Leo! (a proposito, il suo nome è Leonardo? :-) )

  2. Maria Teresa Filieri ha detto:

    E’ straordinario!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...