Forza e avanti

Ormai sta diventando una pandemia anche dei cervelli.

Non si parla d’altro, non si legge d’altro e non si vede altro.

E anche io stamani non sfuggo a questa regola.

Per qualche considerazione delle mie.

La mia mamma, trivaccinata, ha alcune amiche che non solo non si vaccinano, ma che le mandano le loro considerazioni sul tema, e lei, con i suoi dubbi, del tutto legittimi, viene da me, chiede, cerca di capire.

Le ultime chiacchierate sono state sul fatto che anche i vaccinati si contagiano.

Affermazione che, soprattutto con omicron, pare, purtroppo, realistica.

La vaccinazione sembra perdere, suo malgrado, quella connotazione “collettiva” che aveva con il virus originale e con Delta: quella di proteggere non solo se stessi, ma anche gli altri.

C’è prima di tutto da chiarire una cosa: essere contagiati e contagiosi da vaccinati non è la stessa cosa che essere contagiati e contagiosi da non vaccinati. Il numero di copie circolanti del virus resta comunque molto, molto, più basso se si è vaccinati. Quindi è vero che contagia anche i vaccinati, ma non allo stesso modo.

Ovviamente chi è vaccinato non deve comunque abbassare la guardia, mascherine, igiene delle mani e distanza restano un mantra irrinunciabile.

Allora? Cosa ci stiamo vaccinando a fare? Perché vaccinerò mio figlio non appena esce da questa quarantena?

Perché c’è differenza fra essere contagiati e essere ammalati.

E questo maledetto virus ce lo insegna.

Ce lo aveva già insegnato un altro virus, dalle modalità di trasmissione molto diverse: l’HIV.

Essere sieropositivi (ricordate questa parola che sembra odorare di anni ottanta? Sappiate che esiste ancora, l’HIV circola fra giovani e giovanissimi, ma questo è un altro post) non vuol dire per forza sviluppare la malattia, e le medicine che abbiamo a disposizione giocano esattamente su questo: ritardare fino ad annullare la comparsa della malattia.

Su questo aspetto con covid 19 la storia è simile.

A questo punto pare che tutti entreremo in contatto col virus (anche chi lo ha già preso, si metta il cuore in pace chi aspettava l’immunità di gregge) ma sarà molto diverso entrare in contatto da vaccinati o da non vaccinati.

Meno sintomi o addirittura nessun sintomo, protezione dalla ospedalizzazione e dalla terapia intensiva, dalla morte.

Scusate se è poco.

E però, vaccinarsi, resta ancora e comunque ANCHE un atto collettivo.

Perché gli ospedali intasati, i medici massacrati, gli esami diversi da quelli per covid rimandati, le code alle farmacie hanno una connotazione ben precisa: i non vaccinati.

E questo, al netto delle politiche per la sanità, che ci raccontano il bisogno urgente di investimenti in quel settore, è un dato collettivo.

Sotto Natale ho avuto bisogno all’improvviso di un tampone per la mia piccola nipote. Non ancora vaccinata sarebbe arrivata improvvisamente a pranzo in presenza di anziani. Non è stato possibile farlo, perché ogni farmacia del regno era sotto assedio. Non sono riuscita a comprarne uno, perché erano stati tutti presi.

Ecco, anche in questo modo le nostre scelte influenzano le vite degli altri e una minuscola minoranza, moltiplicata dai grandi numeri e dai terribili effetti del virus, sta nei fatti limitando i diritti di tutti gli altri.

Vacciniamoci, regolarmente, se serve, perché al momento non c’è altra strada.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Forza e avanti

  1. marcoghibellino ha detto:

  2. marcoghibellino ha detto:

    e questa invece è tragicamente vera , maronna ci vuole la scalinata di Odessa

  3. marcoghibellino ha detto:

    vabbhè ^^ poi mi sono tirato su il morale scoprendo che esiste questo geniale inventore di limgua araba !

  4. marcoghibellino ha detto:

    stiamo sottovalutando parecchio la cosa, pensiamo solo al lato politico e economico, la pagheremo =.=

    https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/covid-186-740-nuovi-casi-su-1-397-245-tamponi-e-468-morti_44852140-202202k.shtml

    • marcoghibellino ha detto:

      come nella primavera 2020 si viaggia sui 300 morti , circa , al giorno

      come se ogni giorno precipitasse un Boeing 767 da 375 passeggeri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...