Una lunga strada verso la civiltà

Lo stop al ddl Zan amareggia e delude.

Ma non sposta di una virgola ciò che è giusto.

Questo blogghino è abbastanza vecchio per aver visto e scritto delle delusioni dei PACS, dei DICO e di tanti tentativi di civilizzare questo paese, che ha smesso di essere antico senza mai diventare moderno, perdendosi in un non luogo, senza cultura, senza amore, senza razio.

Ma la storia va avanti sempre, anche nei momenti peggiori, anche in quelli bui, come la giornata di ieri.

Ma i ragazzi che incontro a scuola non hanno bisogno di tante spiegazioni, loro capiscono, sanno, misurano il mondo con gli occhi dell’amore.

E non capiscono. Non capiscono dove sia il problema.

E non capiscono.

Non capiscono i vecchi bacchettoni, pronti a spacciarsi per esperti di diritto per non dire quello che sono davvero, persone dalla mente e gli orizzonti chiusi dal non vivere, dal non conoscere, dal non amare, dal non aver amato.

E allora via con i distinguo, con i ma e i però.

E forse invece questo paese avrebbe bisogno di cuore, e di testa, e di passione.

Ma di fronte a una generazione di rincoglioniti cinquantenni, cos’altro posso augurare ai nostri ragazzi se non di diventare adulti diversi, diversissimi, da noi?

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Una lunga strada verso la civiltà

  1. marcoghibellino ha detto:

    Purtroppo il problema non è solo questo , non è solo l’omotransfobia , il diffondersi sempre più di una cultura ( inutile nasconderselo) filofascista , fascista nelle idee negli atteggiamenti nel modo di porsi con gli altri. C’è di peggio , c’è un macchiavellismo politico che non ha coscienza, se posso capire le posizioni di soggetti inqualificabili come Salvini Meloni Calderoli ecc , provo davvero un totale schifo verso Renzi, che non contento di prendere soldi da chi, perfino l’intelligence americana considera un mandante di assassinio politico e tortura , partecipa alle imboscate pur di sentirsi( a parte in questi squallidi episodi non conta un cazzo ) ago della bilancia . Nell’Huffingon Post c’è un articolo in cui si da la colpa di questa sconfitta al ” non aver trattato”
    https://www.huffingtonpost.it/entry/linevitabile-esito-della-linea-zan-o-morte_it_6179675de4b03072d6fed93c?utm_hp_ref=it-politica

    Che dimostra come anche certi giornalisti di “sinistra” (turandosi il naso definiamoli così ) come stò De Angelis sparano cazzate . Su questioni di principio NON SI TRATTA, si perde forse , ma non si tratta

  2. ciacco.29 ha detto:

    I ragazzi sono già diversi e sono bellissimi.
    Da giurista dico che, alcuni aspetti tecnici purtroppo non erano affatto ben calibrati. Del resto che il nostro paese si perda spesso in una pessima tecnica normativa è un fatto che si tocca con mano ogni giorno ed io mi sono davvero stufata di aspettare sempre che arrivi la cassazione (o la corte costituzionale) a mettere le cose a posto.
    in ogni caso era meglio una legge “migliorabile” che nessuna legge.
    Una delusione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...