Tipi da spiaggia 3: il bimbo maiale

Il bimbo maiale lo riconosci dalla maglietta e dall’aria assorta.

Mangia il gelato con la calma zen di chi è impegnato in elucubrazioni ben più importanti del detersivo per lavatrice e si concia la bocca di baffi e barba di morbida, bianca, crema colante.

Il bimbo maiale non si sposta se il mondo cade, ma al massimo chiede

Cosa?

Chi?

Ma che ha detto?

Per poi continuare, flemmatico, a seguire il corso dei propri pensieri e a mangiare gelato.

E mentre mangia, grasse gocce colano sulle mani, sulla maglia, sui pantaloni, sui piedi.

E il bimbo maiale ha però una madre.

Che lo vede, sudicio come un porco e urla.

Urla ogni improperio, ogni divinità, da San Fustino a Beata Smacchiatrice.

Senza successo.

Perché il bimbo la guarda divertito, convinto che la cosa non lo riguardi.

E chiede

Cosa?

Chi?

Ma che ha detto?

Il bimbo maiale è il mi’ figliolo.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...