Chi butta la frutta

(post dedicato alla mia amica Thelma, che mi manca tanto e che SO che è colpevole!)

A casa vostra, chi butta via la frutta andata a male dal cesto della frutta?

A casa mia io.

Sempre io.

Io, maledizione.

HDC (santo subito) è l’incaricato della spesa in questo periodo di semilockdown.

E siccome è inverno, compra arance, mandarini e clementine.

In più riceve una sacchetta di quei fruttini al Viakal verdi, che mangia solo lui.

Poi qualche kiwi non lo compri?

È pieno di vitamina..

Al piccolo piacciono le pere.

Io chiedo sempre limoni freschi al signor Burberoni, dei quali uso la buccia spesso e il dentro con calma.

Regolarmente il cesto della frutta diventa un laboratorio per antibiotici e altre sostanze illegali.

Regolarmente devo scavare fra i frutti alla ricerca del fradicissimo mandarino, della pera liquefatta, del kiwi che odora di pannolino di bebè.

Ogni tanto tento il messaggio montessoriano.

Metto la frutta marcia in fila, un mandarino, un kiwi, un Viakal, una mela di Tutankhamon, a unire simbolicamente la fruttiera e il bidone della spazzatura.

Ma niente.

Le decorazioni horror restano tali e non fanno venire in mente a nessuno che sia ora di buttarle.

Vengono lasciate lì, sperando che si seppelliscano da sole dopo essersi suicidate.

Così, sbuffando, dopo qualche ora ripasso e butto.

Sarebbe meglio comprare meno frutta o mangiarne più spesso…

Dico, fingendo di parlare al gatto.

Il giorno dopo il giochino ricomincia, fino a che, HDC, prima di ripartire per la spesa, sentenzia: “bada lì come finisce alla svelta la frutta…”

Rischiando la sua stessa vita.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Chi butta la frutta

  1. marcoghibellino ha detto:

    ^^
    verissimo, =.= e i clementini nella vaschetta costano meno di quelli sfusi; c’è sempre uno in fondo, con bellissime sfumature arancio bianco blu qusi la bandiera francese, così li giro e rigiro per vedere se nella vaschetta c’è un cadavere in agguato. Comunque foglie bucce e clementini muffati finiscono in una vecchia pentola a bollire lentamente profumando la casa . Al mercato se mi ispirano compro insale in quantità ” caserma” ma li si butta poco, come ammosciano via nel minestrone

    • marcoghibellino ha detto:

      mi piace comprare i radicchi colorati ^^ fanno allegria sono buoni e oltre che come insalata li salto in padella con filetti di acciughe , anche l’occhio vuole la sua parte . Sorpreso da visita della mia ragazza ( pre seconda ondata uffa) feci un risotto estemporaneo quasi carnevalesco per i colori che non era male

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...