Vicino e lontano

(piccolo delirio serale)

Mi sono girata ed erano lì.

Le lampade di casa e la Luna.

Dentro la stessa finestra.

Eppure così lontane fra loro.

Il lampadario alle mie spalle, la stella alla finestra, la Luna in cielo.

Eppure insieme.

Così simili, e diverse.

Un giorno una bimba di prima mi fece capire che per lei il cielo era “cielo” e le nuvole, il Sole, la Luna, ne facevano parte allo stesso modo.

Davvero nella sua mente le nuvole “coprivano il Sole” e Sole e Luna erano nello stesso piano, divisi soltanto da giorno e notte.

Mi colpì così tanto quella ingenuità intrisa di robusta ignoranza, sulla quale io avevo l’indubbio compito di lavorare.

Un cielo da disegno di bambino, dove il Sole sorride e la Luna fuma la pipa.

Un cielo tutto insieme, il vicinissimo e il lontanissimo, a raccontare le stesse storie.

E guardando la Luna e le lampade di casa mi sono divertita a pensare che c’ero anche io, nello stesso cielo, sospesa come loro, un altro punto ancora, vicino o lontano dipendente solo dai punti di vista.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...