Nella mia classe

(nomi di fantasia).

Nella mia classe ogni tanto c’è il gatto di Paola, addormentato e coccolone.

C’è il cane di Leonardo, il poster di Andrea.

Nella mia classe c’è la credenza elegante col servito buono della mamma di Luca.

Ci sono i letti disfatti dei fratellini di Laura.

Ci sono le pareti rosa dalle foto incorniciate di Isabella.

Ci sono le tende illuminate dal sole di Abdoul.

Il mobile della televisione del salotto di Giovanni.

L’armadio da bambino cresciuto troppo in fretta di Filippo.

Nella mia classe c’è la vita delle case, quella che ogni tanto sbirciavo dalle finestre nelle fredde sere tedesche, aiutata dalla feroce antipatia dei tedeschi per tende o persiane.

Nella mia classe entrano le camere dei ragazzi, le sale da pranzo, a volte i terrazzi, per ora mai i gabinetti, ma non si sa mai.

Di ognuno di loro posso vedere le librerie disordinate, i vestiti da sistemare, gli armadi precisi, i quadri antichi.

In classe mia c’è la loro vita, quella che a scuola tengono nascosta, e che racconta così tanto di loro, giusto o ingiusto che sia.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Nella mia classe

  1. Tiziana ha detto:

    Lo sapevo che avresti reso poetico anche il momento della dad, grazie, adoro come scrivi!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...