racconti di quarantena

proseguono le vacanze del blogghino e quello che vi proporrò oggi e nei prossimi giorni sono i racconti di quarantena.

durante il lockdown decisi di tentare un esperimento letterario coi ragazzi.

ogni giorno un libro, raccontato, velocemente recensito e proposto.

senza alcun obbligo di lettura.

ben presto quelle microlettere diventarono il mio messaggio in bottiglia giornaliero per loro e il libro finale quasi un pretesto per la premessa.

mi divertii, e i ragazzi mi scrissero in tanti.

per cui adesso ve li ripropongo, un po’ per volta, non saranno tutti, e qualche volta saranno un paio insieme.

buona lettura!

09/03/2020


Consigli di lettura… ovvero, come spendere bene i soldi di mamma e
babbo.


Buongiorno ragazzi!

Avete dormito bene?

Io sì e ho avuto un’idea.

Ogni giorno troverete in bacheca questo file, allungato di un pezzettino, con
dentro dei consigli di lettura.

No, non tirate un sospiro di sollievo.

Non è QUESTO file quello che DOVETE fare per scienze.

Questa è una cosa in più, che mi è venuta in mente e che spero possa piacervi in queste giornate lunghe.

Non è un obbligo, è solo qualcosa che a me ha aiutato tanto e che forse potrebbe piacervi: leggere buoni libri.

Ogni giorno metterò qui un libro letto e amato, che spero possa piacere anche a voi, acquistabile in ebook o online, oppure che avete già e che non sapete di avere, i vostri genitori sono stati ragazzi quando non c’era internet, in casa c’è di sicuro uno scaffale con dei libri.

Se poi, davvero qualcuno di voi lo fa, legge un libro, di quelli che vi racconto qui o uno che invece io non ho mai letto, mi scriva a il motivo per cui anche gli altri dovrebbero leggere il libro che avete letto voi.

E io lo aggiungerò a quelli qua sotto. Col vostro nome o soprannome (così chiamiamo, noi giurassici, i “nickname”).

Ok, siete pronti?

Si parte!

Libro di oggi, lunedì 9 marzo 2020

Titolo: l’amore al tempo del colera.

Autore: Gabriel Garcia Marquez (oh, ragazzi, lui scrive da dio, scrive come se avesse l’umanità intera che gli scorre nelle vene)

Di che parla: parla di un amore capace di attendere gli anni, pur di essere felice.

Perché leggerlo: perché è bellissimo, perché a leggerlo pare di essere lì, in mezzo a loro, e di questi tempi c’è bisogno di evadere, almeno con la mente.

Dove si trova: cercate negli scaffali di casa vostra, se non ci fosse si trova sia su amazon sia come ebook.

Domanda che tanto lo so che me la fate: c’è il film? Sì, c’è, il libro è molto più bello.

Citazione bella dal libro: “passò un colpo di spugna senza lacrime sul ricordo di Florentino Ariza, lo cancellò del tutto, e nello spazio che occupava nella sua memoria, lasciò che fiorisse un campo di papaveri

Mi mancate, bestiacce.

La prof di scEnze (che scrivo senza i per ricordarmi che nelle
scEnze gli errori sono a volte importanti quanto le cose esatte)

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...