Frammenti

Uscire da una casa di sera, vedere Orione, forte e coraggioso, e dall’altra parte Venere, splendente come un diamante.

Sabato mattina presto, mi alzo per andare a scuola e il naso mi inciampa nel cielo più azzurro di sempre, sopra i tetti di Lucca.

Seguo per caso due muratori albanesi. Fumano e parlano, dentro le tute da lavoro e le scarpe pesanti. Mi piacerebbe capire che dicono, se parlano di casa, di qualcosa che gli manca, o magari solo di sport. Mi viene da pensare a tutti quelli che lavorano lontano, alle loro diverse abitudini, alle lingue che parlano come un filo sottile che li tenga attaccati a qualcosa che chiamiamo casa.

In bici, verso scuola, le prime magnolie fiorite, nei viali vicini al vecchio ospedale dove qualche anno fa passeggiavo aspettando l’arrivo al mondo della mia nipotina, cercando un fioraio per la mamma. La ripenso, tonda e rosa come una mela, appena nata e così splendida.

La vita è fatta di frammenti, cuciti insieme un giorno dopo l’altro, a volte piccoli come granelli di sabbia e a volte ruvidi come la corteccia di un albero.

Sono perle tutte diverse, da infilare una dopo l’altra e da tenere a mente per non invecchiare troppo in fretta.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...