Cosa mi piace delle sardine, cosa chiedo alla politica

Le sardine, l’ho già scritto, mi piacciono.

E in questi giorni sto capendo perché.

Mi piacciono perché sono buone, sono giuste, sono di sinistra, sono democratiche, sono antirazziste e non se ne vergognano.

La sinistra ha passato gli ultimi dieci anni a rinnegare se stessa per paura di non essere più amata.

“Gli immigrati? Sono un problema, lo dobbiamo dire prima noi sennò lo dice la lega e vince le elezioni!”

“I rom? Non possono avere gli stessi diritti! Se no la lega vince le elezioni!”

“Adesso non concentriamoci sui diritti degli omosessuali, sennò ci accusano di essere lontani dai problemi del paese!”

“Sì, ma non parliamo sempre di povertà, ricordati che vota anche il ceto medio!”

“La retorica dell’articolo 18 va superata!”

Ecco, a giocare all’imitazione della destra, va a finire che poi la gente preferisce l’originale.

E nel frattempo deludi, frustri, disorienti talmente tanto i tuoi che il loro voto lo perdi, e quello degli altri non lo avrai mai.

Le sardine scendono in piazza e dicono sul ghigno al leader della lega noi siamo la parte buona, noi ci teniamo stretti, noi non siamo come te, noi non saremo mai come te.

E questo è, finalmente, vincente.

Questo fa innervosire la bestia.

Questo piace alle persone.

Questo crea consenso, emulazione, voglia di esserci.

Questa si chiama leadership politica.

E per questo c’è una cosa che chiedo alla politica tradizionale.

Ai tanti, molti rappresentanti, nazionali e locali, ai quali già leggo negli occhi l’interesse a cavalcarli o a smontarli.

Scendete in piazza con loro.

Intonate bella ciao e sentitevi meglio, sentitevi a casa, al sicuro, nel banco.

Fate la vostra sardina di cartone e mettete la foto sui social, che è bellissimo che ci siano tante adesioni.

Ma poi lasciateli fare.

Fate il banco, per una volta, non mettetevi in testa alla fila.

Che delle vostre lezioni hanno ben poco bisogno.

Della vostra presenza invece sì.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...