Scarpe e ricordi

Pioveva, così per prendere la legna per la stufa, a casa di nonna ida, ho cercato gli stivali.

Invece ho trovato gli scarponi.

Ho sorriso e me li sono messi.

Sono sempre quelli, quelli che infilavo la mattina seduta sugli scalini della rampa del piano di sopra, prima di andare al lavoro, ogni mattina da novembre a aprile, nella città che non ho mai smesso di amare. Dresda.

Quelli dai quali sbattevo via la neve, picchiando la punta sul muro di entrata, per non bagnare l’ufficio.

Quelli che toglievo per entrare a casa di Thomas, la domenica mattina, a colazione.

Quelli che, al teatro dell’opera, cambiavo, una volta dentro, con un paio di scarpe di raso, a punta e col tacco, che non sarebbero sopravvissute ad aspettare il trammino.

Quelli che portavo a ogni Blockade: le manifestazioni antinaziste che toccava fare ogni anno dell’anniversario del bombardamento, perché i neonazisti, a Dresda, è da tanto, troppo tempo, che ci sono.

Quelli che mi hanno accompagnato a ogni mercatino di Natale, a ogni passeggiata a Moritzburg, a Pillnitz, a Meissen, dove portavo gli amici a far vedere che bel posto è, la Sassonia.

Le scarpe di una straniera, che aveva imparato che non esiste buono o cattivo tempo, ma buoni o cattivi calzini.

Le scarpe di chi è stato accolto, abbracciato, invitato a casa.

Ho detto ai ragazzi che ho in classe che girino il mondo, che imparino le lingue degli altri, si rendano conto di quanto siamo tutti, alla fine, un po’ matti, chi mette il parmigiano nella pasta allo scoglio e chi arrostisce un Wienerwurst chiamandolo viustel o lo mette a rotelle nel riso freddo.

Mi pare che ogni giorno sia sempre peggio, non solo qui, ovunque, mi pare che si faccia di tutto per smettere di volare, viaggiare, amare.

Lasciate le case, ragazzi, cercate le vite degli altri, amatele e lasciatevi contagiare.

Poi tornate in questo sciagurato paese per cambiarlo.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Scarpe e ricordi

  1. marcoghibellino ha detto:

    Poi tornate in questo sciagurato paese per cambiarlo.

    ma prima valutate bene se ne vale la pena , di tornare , intendo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...