Questa roba è peggio del fascismo

Quello che mi spaventa di più in questi tempi bui, più del fascismo, è l’ignoranza.

L’ignoranza, si badi bene, non di chi non ha potuto studiare e se ne cruccia: mia nonna aveva la terza elementare e invidiava suo marito, mio nonno, perché aveva preso la quinta alle serali.

Ma entrambi leggevano ogni giorno, giornali, libri, storie. Entrambi conoscevano le storie dell’antico e del nuovo testamento, per averle lette, magari la sera davanti al fuoco.

Mia madre, per poter studiare, ha fatto mille sacrifici, superato mille ostacoli, in motorino, in bici, a piedi, scegliendo con forza una strada in salita, coi libri letti sotto le coperte e di nascosto dal padrone della fabbrica.

Mio padre ha studiato in seminario prima e alle magistrali dopo, mi ha fatto ripetizione di latino per tutto il liceo, battendo la testa nel muro davanti alle mie castronerie.

Mi hanno insegnato a leggere che non avevo ancora quattro anni, a scrivere poco dopo.

Leggere è stata la mia salvezza da un’infanzia troppo timida per essere davvero serena.

Adesso vedo invece l’ignoranza portata a valore, ad esempio, a stile.

E con l’ignoranza la violenza, la violenza verbale di chi non capisce, veramente, fino in fondo, cosa scrive, perché lo scrive e cosa comporti quello che scrive.

Si va per parole d’ordine: ricordate Berlusconi quando urlava comunisti, comunisti, comunisti! Ecco, sostuitelo con buonisti e avrete Salvini e i suoi seguaci.

C’è una cosa che mi amareggia, forse ancora di più, perché mi dà il senso di una sconfitta senza appello: che questo modo di fare si faccia strada anche a sinistra, superficiale, mai complesso, sempre semplice, sempre facile.

Ieri pomeriggio mi è arrivato, da una persona che conosco, l’ennesimo annuncio che Whatsapp diventerà a pagamento fra non so più quanti giorni, con la preghiera di diffonderlo ad altre dieci persone, pena sette anni di sventure.

Me l’ha girato una persona normale, che vota e milita a sinistra, che conosco da sempre.

Come non ha potuto fermarsi un secondo a riflettere?

Perché questo istinto quasi pavloviano, a ripetete, inoltrare, diffondere cazzate ci pervade tutti, questa superficializzazione micidiale, questo sentito dire?

Cosa ci spinge a pensare che una scemenza vada riverberata, ripetuta, amplificata?

Quando abbiamo smesso di prenderci il tempo per riflettere?

La colpa è dei social?

Della politica?

Della scuola?

Non lo so.

Ma leggere di donne adulte che, con nome e cognome, si permettono di insultare una reduce dai campi, mi mette i brividi non solo per la cosa in sé, che già mi pare abominevole, ma per quello che questo gesto racconta di chi lo fa: una persona incapace di comprendere il peso delle proprie parole.

A una persona del genere puoi far fare ciò che vuoi.

Questo, è il fascismo che temo.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Questa roba è peggio del fascismo

  1. AD Blues ha detto:

    Fa paurissima anche a me.
    Poi c’è l’altro mistero, quello della sinistra che tenta di superare la destra giocando al loro stesso giochino, quello della semplificazione, dello slogan; a volte mi viene da pensare che sia l’unica cosa da fare in un mondo dove la gente “normale” (come quella che ti ha girato la bufala di Whatsapp) non ho voglia di leggere più di tre righe di testo e si stufa e perde attenzione alla quarta.
    Come fare a spiegare temi difficili, complessi come l’economia, le migrazioni, in tre righe?
    Davvero, io mi ci metto nei panni di un politico, come fare?
    Rischierei davvero di perdere il mio elettorato per noia oppure mi metterei a parlare per slogan terra-terra?

    La strada è lunghissima, occorrerebbe, credo, ripartire dalle scuole, dai giovani ma per fare questo, ci vorrebbero almeno un paio di generazioni.

    —Alex

  2. pensierini ha detto:

    Scuola, scuola, scuola. Ore e ore di scuola. Dopo scuola, e non per le cavolate che usano adesso, i progetti, i cartelloni, boiate simili. Scuola normale.

  3. marcoghibellino ha detto:

    sono anni che lo vedo, è scomparsa la vergogna, non ci si vergogna più di essere :
    razzisti
    fascisti
    ignoranti
    disonesti
    ecc ecc
    gli italiani sono così
    lo erano ai tempi di Cesare e Pompeo lo sono tuttora, cambiano solo se sottoposti a fattori epocali ed ineluttabili

    https://external-preview.redd.it/AN5fZDbmsH3_15IYfdaDzGcstKaDIMO-oVgd7DRG0QQ.gif?format=mp4&s=d881393ce1debbf5c49404ff93c12e5f562f5c21

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...