strumenti

Lo confesso.

Sono persa.

Il bellissimo risultato delle amministrative nei comuni intorno a noi non mi entra in alcuna casella analitica classica.

I dati ci raccontano di centinaia di persone che, con due schede in mano, votano lega in una e centrosinistra nell’altra.

Unica, apparente, differenza fra le due schede, la destinazione dell’eletto: l’Europa in un caso, il giardino di casa propria nell’altro.

Per l’Europa Salvini, la violenza verbale, i nemici sui barconi, la Francia che non ci capisce, la Germania che ci odia.

Per il giardino di casa il governo uscente, il buon governo, la comunità che cerca di stare insieme, di accogliere, di integrare, di seguire, curare la relazione, ascoltare tutti, nessuno escluso.

Nessuno escluso.

E allora, magari sbagliando, non lo so neanche io se ragiono correttamente o vado a tentoni, incapace di capire, incapace di analizzare correttamente, leggo un’Italia bipolare, che conosce e comprende quello che la tocca da vicino e che per il lontano usa invece la pancia, Facebook, la tv.

O magari non è così, magari, e l’ho sentito, ieri, fra i vari commenti, abbiamo la sindrome da juventino, votiamo per quello che vince, Berlusconi prima, Renzi poi, Salvini adesso; e per i sindaci confermiamo gli uscenti perché hanno già vinto una volta.

Non lo so.

Non lo so davvero.

Queste vittorie sicuramente rendono meno amara la situazione e premiano persone brave e capaci e appassionate.

Ma mi preoccupa non averci capito nulla, non depone a favore della mia povera intelligenza, e visto il mestiere che, pur temporaneamente faccio, mi impone di cercare un po’ più a fondo le strane cause di questo gianismo italiano.

Qualcuno di voi ci ha capito qualcosa?

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a strumenti

  1. marcoghibellino ha detto:

    Anche qui è così. eurpee lega 38,9% sindaco al centrosinistra , e anche io non capisco, a meno che …. non si sia noi che si sbaglia ne errati sono gli strumenti che usiamo per l’analisi, il fatto è che strumenti razionali per analizzare il comportamento di una massa di imbecilli ignoranti non serve

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...