in gita a Livorno

è andata così, che dopo che i ragazzi delle scuole avevano visto il nostro progetto sui migranti, avevano anche scritto ai giornali di quanto li avesse colpiti e di quanto fossero stati felici di avervi partecipato.

qualche consigliere di opposizione ha preferito montare una polemica, invece di venire a vedere lo spettacolo.

mi è dispiaciuto un po’, preferisco sempre far capire e vedere alla gente quello che faccio, piuttosto che difendermi da accuse fondate sul sentito dire.

ma, come si suol dire, non tutto il male vien per nuocere, e una giornalista di granducato, incuriosita dalle polemiche mi ha cercato, mi ha invitato nella sua trasmissione e mi ha fatto raccontare quello che avevamo fatto.

a Livorno.

e noi ci siamo andati, a Livorno. HDC, il piccolo appena uscito dall’asilo, ed io.

e quando sono entrata e mi sono seduta la giornalista mi ha sorriso, mi ha spiegato di cosa avremmo parlato e siamo andate, chiacchierando, con calma, senza polemiche, con la voglia solo di raccontare.

ed è stato bello, bellissimo, e sono molto, molto grata per questa bella occasione.

ho raccontato di come abbiamo lavorato, di quanti ragazzi abbiamo coinvolto, del perché lo abbiamo fatto, di quello che i ragazzi ci hanno lasciato scritto andando via.

ho raccontato di quando i migranti eravamo noi, di quando quelli che “non conoscevano le regole” eravamo noi, di quando quelli che “rubano il lavoro” eravamo noi.

ho raccontato della speranza che ho, per le nuove generazioni, che si impari a vivere, giocare, studiare, crescere, insieme.

insomma, ho fatto a tutti due palle così e mi sono anche divertita tantissimo.

un grazie speciale a granducato e a valeria tognotti, il cui sorriso mi ha preso per mano.

qui il video completo, se vi va di guardare quel che abbiamo combinato. :)

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a in gita a Livorno

  1. pensierini ha detto:

    Sei grandissima, complimenti. Saggia e sapiente. Generosa e attenta. Proprio brava. Se proprio di Sinistra, assessora. Hai tanto da insegnare a tanti amministratori e politici, che di sinistra hanno solo il nome. E che impressione/emozione sentirti parlare, dopo anni di letture! :-)

  2. donnaallospecchio ha detto:

    Cara lucia, mi è piaciuta molto la tua risposta alla signora, un tono pacatissimo, un gran rispetto, ma citando la tua esperienza le hai fatto capire che anche noi italiani eravamo immigrati per gli altri. Lo avrà capito ? a 80 e passa anni? si vedra
    P.S. tu fischiettavi, io canticchio per strada e qui in alsazia è visto male (da alcuni), poi c’è sempre l’eccezione; qualcuno mi fermo per strada mentre cantavo con accento italianisssimo “maison bleu” di maxime le Forestier e mi disse “ma brava lei canta una canzone della mia infanzia”, continui cosi, era un ex-sessantottino a quanto pare, forse per questo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...