Lucettina, le emissioni e il pentolino

Domenica mattina, lucettina ciabatta in cucina e si dirige verso i fornelli.

Sui fornelli la moka col caffè avanzato della cena con gli amici del giorno prima.

Da brava divide il caffè in parti uguali, in due tazze: in una aggiungerà il latte per sé, nell’altra acqua per HDC (ognuno ha le sue perversioni).

Poi inizia a rimuginare, sgrendinata, in pigiama e con le cispie agli occhi.

A lei piace il caffellatte a bollore, da anni, imposta il microonde al massimo e fa girare la sua tazza per un minuto.

A HDC piace caffè e acqua tiepido, per cui aggiunge, al caffè caldo di moka, l’acqua fredda del rubinetto.

Il caffè nelle due tazze è freddo.

Prende un pentolino, lo riempie d’acqua e lo mette sul fuoco.

Come avrebbe fatto da ragazzina, quando né il microonde, né il bollitore, erano nei suoi orizzonti.

E mentre aspetta qualche minuto si chiede:

Avrei fatto meglio a mettere entrambe le tazze nel microonde?

Avrei consumato meno energia a usare il bollitore?

Dovrei scaldare anche il mio latte sul fornello ogni mattina?

Libero globalmente più o meno CO2 se uso il fornello, se uso il bollitore o se uso il microonde?

D’istinto pensa che il metodo più ecologico sia il fornello. Una fiammellina blu, di metano, che in poco tempo fa il suo dovere.

Però scaldare così il latte poi vuol dire lavare due cose invece di una: detersivo e acqua corrente, magari calda.

Per cui ripensa che no, forse fra tutto, la tazza nel microonde è il metodo migliore. Ma lo ha mai misurato?

Da dove arriva l’elettricità che manda il suo microonde e il suo bollitore?

L’elettricità va prodotta, magari bruciando gas, lo stesso gas che se usato nel suo fornello invece di una tazza ne scalda 2, o forse 3? O forse 10? O forse 1? Lo sa, esattamente, lucettina?

Alla fine ha scaldato l’acqua in un pentolino, la tazza col latte nel microonde e ha scartato il bollitore.

Perché?

Di preciso non lo sa, gli pareva più ecologico così.

E questo le resta nel cervello, il bisogno di capire, di avere dati certi prima di parlare, prima di agire.

Ha pensato alle auto elettriche e a quelli che le credono ecologiche.

Si è chiesta se per lo stesso chilometro percorso si emetta meno CO2 bruciando un diesel in una macchina o in una centrale elettrica che poi manderà la macchina.

Si è risposta che per fare un chilometro è meglio andare in bici, se si può.

Si è detta che vorrebbe che ci fossero più dubbi, più studi, più scienza, nelle scelte della politica, nelle scelte della gente.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Lucettina, le emissioni e il pentolino

  1. marcoghibellino ha detto:

    UU aprés moi le deluge

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...