Se ogni uomo retto

Se ognuno di noi, una mattina, si alzasse e dicesse ora basta.

Ora basta giocare col dolore degli altri.

Ora basta speculare su donne e bambini.

Ora basta inventare nemici per nascondere le proprie incapacità.

Ora basta disumane dichiarazioni, disumani gesti, disumana politica.

I sindaci d’Italia si stanno alzando in piedi.

Contro un decreto che crea caos là dove c’era accoglienza.

Che tortura le esistenze di uomini e donne già torturati nel corpo e nei pensieri.

Che crea il problema spacciandosi per la soluzione.

Ogni uomo retto sia al loro fianco.

Si alzi, smetta di tacere a chi, in strada, al bar, a scuola, in ospedale, al lavoro, tenta di dividere noi da loro, lasciando intendere che vi sia una precedenza, un gradino, un quanto di diversità intrinseca, perché nero, perché povero, perché, nonostante povero, giovane e bello, in questa società mummificata e polverosa.

Smetta di tacere e parli. Di umanità, di uguaglianza, di giustizia.

Smetta di chinare il capo e allargare le braccia e spieghi invece. Spieghi, con la pazienza che ci vuole coi bambini nel furore della bizza, ma con la fermezza della maestra che ognuno di noi ha avuto.

Ogni uomo retto si alzi, e stia con i sindaci.

#iostoconisindaci.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Se ogni uomo retto

  1. pensierini ha detto:

    Dici bene, Luci, e fanno bene i sindaci a schierarsi contro questa legge ingiusta. Speriamo che si mobiliti anche la Magistratura.

    • marcoghibellino ha detto:

      i sindaci che si oppongono sono ahimè una minoranza, e i poteri che questo governo ha per obbligarli sono ampi, anche la denuncia penale per abuso d’ufficio, il commissariamento del comune, il taglio di alcuni finanziamenti, fino alla decadenza come sindaco ; la situazione è tale che solo personaggi davvero con le palle saranno in grado di opporsi a questi governanti fascisti e razzisti, io ho i miei dubbi che oggi in Italia ci siano persone moralmente ed eticamente motivate da assumersi tali rischi. La magistratura stante così le cose, è obbligata purtroppo a muoversi si, ma contro i sindaci ribelli.

  2. marcoghibellino ha detto:

    no, se la legge è ingiusta ci si DEVE rifiutare di obbedire , altrimenti il termine antifascismo non ha senso

  3. marcoghibellino ha detto:

    Si ^^ comunque hai centrato il senso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...