Caro babbo natale (reloaded)

Caro caro babbo babbino,

Ricordo lettere di Natale di una decina e passa di anni fa, nelle quali ti chiedevo di levarci di torno certi personaggi e di trovare un fidanzato.

No, nulla, volevo solo dirti che il fidanzato l’ho trovato, me lo sono anche sposato ed è pure arrivato un bimbo dallo spazio, piccolo superman nella sua navicella.

Quindi ecco, con la storia del fidanzato sarei a posto.

Vogliamo parlare dei personaggi?

Perché, ecco, mi tocca pensare che al confronto con quelli dai quali ti chiederei di liberarci adesso mi paiono nobel della politica e quindi tremo, perché se i prossimi sono pure peggiori di questi credo che nella prossima letterina mi resterebbe da chiederti giusto l’estinzione del genere umano.

Per cui evito, e passo a chiederti cose più facili, che vedo che queste non ti sono venute granché bene.

Allora…

Dunque…

Vorrei veder crescere il piccolo superman, continuare a fare biscotti con lui e continuare a far finta di non vedere che mangia i chicchi di nascosto, con le maniche sporche di farina.

Vorrei che la gente capisse che aiutare gli ultimi non vuol dire saltare i penultimi, ma che un posto, una città, una comunità dove stanno bene i più deboli è un posto dove stanno bene anche tutti gli altri.

Come dici? L’assessora sono io?

In effetti… mi sa che hai ragione…

Allora vorrei vivere in un paese dove ci sia il rispetto per lo straniero, l’amore per la conoscenza, la passione per la cosa pubblica, dove la politica non guardi al misero tornaconto immediato e personale ma al bene del paese, non solo quello di oggi, ma quello di domani, quello dei nostri figli, quello dei nostri nipoti.

Vorrei una scienza in grado di essere ascoltata, capace di comunicare passione e competenza e un’opinione pubblica formata e intelligente, che studia e si informa e non basa le proprie scelte su qualche sito spazzatura trovato on line.

Ho capito.

Facciamo così: mi piacerebbe un giorno visitare Danzica.

Su quello mi puoi aiutare?

Grazie.

Un felice Natale a tutti voi, che possiate trovare sotto l’albero un po’ di serenità, ovunque voi siate.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Caro babbo natale (reloaded)

  1. pensierini ha detto:

    Un bacetto al bimbetto della foto. Auguri agli altri personaggi della favola.

  2. AD Blues ha detto:

    Miseria, lo sai che ci avevo pensato pure io?
    Ora, non proprio al livello di “aridateci Berlusconi” ma quasi.

    Ad ogni modo un grande abbraccio stritolatore a tutti voi; per adesso virtuale anche se spero di potervelo portare presto di persona.

    —-Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...