Pronti? Via!!!

Sono passata a salutare i bimbi del progetto “pronti a correre”, pensato da un gruppo di mamme (e immagino anche di babbi, anche se io conosco solo le mamme!) di bimbi nati con la sindrome di Down e che imparano a fare da soli, a stare insieme, a orientarsi in una casa, in una cucina, in un bagno, un salotto.

E poi impareranno la strada, l’autobus, la spesa, e mille altre cose ancora.

A vivere insomma.

Perché a lasciar andare i propri figli, ci vuole coraggio.

Ci vuole coraggio a dargli un bacio in fronte il primo giorno di Nido, quello della materna, quello di ogni primo giorno di scuola che arriverà.

Ci vuole coraggio a fare la doccia, lasciandolo in camera sua che gioca col Didò.

Ci vuole coraggio, come quando mia madre mi mandò allo scambio scolastico a Montpellier che avevo 15 anni e mi disse cerca di sembrare più grande, sul treno, e non accettare caramelle.

Ci vuole coraggio a vederli crescere, così velocemente, lontano da noi.

Ci vuole coraggio a saperli bravi, anche da piccoli.

A vederli andare in bagno da soli per la prima volta.

A sentirsi dire ora sono grande.

A lasciarli correre.

E insegnar loro a farlo. Come i passeri, che insegnano a volare ai piccoli voloni, quando il gatto dorme sotto il platano.

Ma queste mamme qui, signore e signori, sono delle montagne di roccia e di speranza.

E i loro bimbi, beh, hanno preso da loro.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Pronti? Via!!!

  1. Din Don Down ha detto:

    Anche tu. :'( Per favore, scrivi giusto il nome: sindrome di Down, non di *down. Il “down” in senso farmacologico non c’entra nulla. Come certamente saprai, viene dal nome del medico inglese che l’ha studiata, John Langdon Down. Scrivere “down” con la minuscola è improprio e offensivo. Nei paesi anglofoni le associazioni dei familiari delle persone affette da questa sindrome chiedono a gran voce che il nome venga scritto correttamente, dato che in inglese “to be down” vuol dire “essere guasto”, “non funzionare”, e anche “essere depresso”. Cerchiamo di non riprodurre un errore fastidioso e irrispettoso solo perché lo vediamo scritto così da molti media sciatti e superficiali.

  2. Din Don Down ha detto:

    Il bello è che poi scrivi “nido” maiuscolo. Amazing.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...