Umanesimo e pop corn

Il giorno dopo la pesante, pesantissima sconfitta del centrosinistra in Toscana guardo Facebook come si guarda una medusa.

Incuriosita e spaventata insieme, desiderosa di capire ma ustionata da quello che leggo.

Amarezza in molti casi, pettoritto in molti altri.

In generale un decadimento verbale verso la rozzezza e la violenza, espressioni da stadio, siete finiti, sarete spazzati via e molto altro.

Siamo al giorno dopo la fine di una campagna elettorale basata su una menzogna: che il problema del paese fossero gli immigrati.

Non la corruzione.

Non l’evasione fiscale.

Non la mafia, la camorra.

No.

Gli immigrati.

E così, sulla base di una bugia, ci siamo dovuti accontentare di schemi semplici.

Il quanti sono di un post di qualche giorno fa invece che chi sono, perché sono qui, cosa hanno lasciato indietro.

I rom da censire.

Gli intellettuali non allineati da minacciare.

E a sinistra ancora le tossine, troppo a lungo tenute affinché ci se ne possa liberare in fretta, di chi è stato rottame prima, gufo dopo, sfigato in genere.

E a sinistra leggere su alcune bacheche che il pd è come casapound, che, signori miei, ha lo stesso valore di 10 vaccini sono troppi.

Mi dicono che non abbiamo parlato al popolo.

Credo sia vero.

Ma mi rifiuto di pensare che lo abbia fatto la lega di salvini o il movimento 5 stelle.

Perché parlare al popolo vuol dire conoscerne e capirne i problemi e cercare di risolverli.

Non identificare un capro espiatorio e con quello risolvere la situazione.

Perché quando avrai permesso al fruttivendolo di chiamare sporco negro il ragazzo sul marciapiede di fronte non avrai riempito il suo negozio, avrai solo fatto sfogare la sua rabbia contro il bersaglio perfetto, perfetto perché incapace di difendersi.

Però mi chiedo anche…

Cosa succederà quando le navi non attraccheranno più, quando andremo in Europa a cantare popporoppoppoppò a quel cretino di Macron, quando i rom saranno censiti e il fruttivendolo avrà ancora il negozio vuoto?

Perché lo sapete anche voi, meglio di me, che non è quello, il problema del fruttivendolo, vero?

Nel frattempo, mentre Galileo farà il suo dovere e i fatti metteranno in discussione il castello di bugie, quanto umanesimo avremo perduto?

Quanta umanità sprecata?

Quanta sofferenza inutile?

In un paese che usa l’aggettivo buonista come insulto, c’è speranza che le cose migliorino?

Che si ritrovi il senso di stare insieme, che si apra la porta al vicino di casa, che si scenda in cortile coi figli a giocare, che si smetta di rincorrere temi e modi di una destra che ci porta sul suo terreno e lì ci schiaccia.

Non abbiamo altra scelta che ripartire.

Chi ha mangiato pop corn si lecchi le dita ma taccia.

La sua arroganza è ed è stata parte del problema.

La classe dirigente che l’ha preceduto faccia altrettanto, lui è il risultato del vostro fallimento.

Gli altri, tutti gli altri, si guardino in faccia, chi ha sbagliato chieda scusa, chi ha avuto ragione perdoni e guardi avanti, non c’è da ricostruire un paese, c’è da ricrearne il cuore, il lavoro è molto e non sarà facile.

Ma peggio di così, cosa abbiamo da perdere?

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Umanesimo e pop corn

  1. pensierini ha detto:

    Sgomento. Dolore. E la rabbia di non poterci far nulla.

  2. marcoghibellino ha detto:

    hanno vinto , i perchè sono molti e vari tu lo sai, gongolano e gioiscono, non sarà una cosa breve ma adesso …sò cazzi loro; ti ricordi l’arrogante euforia di ALTRI ? che gioivano dicendo:

    Abbiamo una banca! e da li iniziò il casino così capiterà a loro

    quasi mi dispiace perchè questi italiani di merda si meritano il default la troika le pezze al culo questo governo Superciuk che ruba ai poveri per dare ai ricchi, si meritano la scalinata di Odessa

    • Silvia Santi ha detto:

      Io sono una di quelle italiane “di merda” che il 4 marzo ha votato M5S. Epiteto a parte, sono così stanca dell’arroganza di chi si crede meglio di me perché da la moneta al ragazzo che chiede l’elemosina davanti al fruttivendolo e si lava così la coscienza. Perché di quelli non ho mai visto nessuno a dare una mano con gli immigrati al campo della CRI. Così come non ho mai visto nessuno di quelli che scendono in piazza con le bandierine per difendere Mattarella andare invece a protestare per le troppe morti sul lavoro. In questo commento io leggo il motivo per cui il PD ha fallito. Ma il fallimento non è solo elettorale, è di mentalità. E non basterà certo una tornata elettorale per correggere il tiro, perché non ho ancora sentito nessuno fare una vera e sensata autocritica. La sinistra è ad un bivio: o sceglie di svoltare a Sinistra e tornare a parlare con la sua gente senza prenderla per i fondelli e irriderla come ha fatto sino ad ora, oppure svolta a Destra, con la consapevolezza però che qualcuno lo perderà per strada.

      • pensierini ha detto:

        Silvia, lei ha ragione da vendere. L’arroganza, la superbia e la presunzione sono vizi da cui è difficile liberarsi. E Renzi&Co ne sono abbondantemente provvisti. E non hanno nessuna intenzione di fare autocritica, per carità. Anch’io avevo deciso di votare per i grillini, una volta appreso che Liberi e Uguali e il Partito Democratico erano pronti ad allearsi con Berlusconi. Poi non l’ho fatto, mi sono astenuta.

      • marcoghibellino ha detto:

        Io non sono del PD , premesso questo ti spiegherò perchè anche tu fai parte di quel gruppo di italiani che sono di merda perchè: ignoranti, razzisti, forcaioli, e fascisti o complici di fascisti , che è lo stesso

        1. uno vale uno , si s’è visto
        2. allearsi con nazisti come Farage , o Salvini , non è che se uno fa il palo non si becca anche lui l’accusa di rapina
        3. sono così stancO dell’arroganza di chi si crede meglio di me, perchè a parole è più onesto ( deo gratia non dite più democratico , un briciolo di vergogna v’è forse rimasta) e l’onestà s’è vista a Roma

        Dammi retta ed abbi il pudore di tacere , e comunque, la lega vi fagociterà , sai gli italiani, specie intempi di crisi tendono a destra , per cui, se hai un vero Fascista come Salvini perchè votare un succedaneo che di fascista ha solo la puzza?

      • pensierini ha detto:

        Marco, dici a me?

  3. marcoghibellino ha detto:

    ” Così come non ho mai visto nessuno di quelli che scendono in piazza con le bandierine per difendere Mattarella andare invece a protestare per le troppe morti sul lavoro.”

    ma che cazzo ne sai ! hai la sfera di cristallo? e osi parlare di arroganza

  4. marcoghibellino ha detto:

    no Pensierini a Silvia

  5. marcoghibellino ha detto:

    Vedi Pansy ^^, questi sono gli alleati di Silvia
    https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/migranti-assessore-di-bologna-minacciato-su-fb-con-proiettile_3148480-201802a.shtml
    “Caro assessore, il proiettile è già in canna, basta puntare e premere il grilletto. Capito sepolcro imbiancato buonista e traditore?”. L’assessore alla cultura del Comune di Bologna, Matteo Lepore, ha trovato sulla sua bacheca Facebook questo messaggio accompagnato dalla fotografia di un proiettile.A postarlo un certo Galileo Fiorentini, da un account senza foto e probabilmente falso che ha deciso di rispondere così a un post in cui l’assessore aveva condiviso le parole del sindacalista maliano Aboubakar Soumahoro ucciso in Calabria. “Non bisogna avere timore di questa genteche vuole intimidire e gettare l’Italia nel buio dell’odio.- ha detto Lepore – . Noi amministratori abbiamo il compito ogni giorno di lavorare per la speranza. A occhi aperti e a portiaperti Bologna è una città senza paura”.Intanto il fatto è stato denunciato alla Digos.

    Mica si nota che sono lievemente incazzato?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...