Col ciuccio

Bisogna saper scegliere il tempo…

Canta Guccini.

E ho provato a spiegarlo al piccolo, quando ieri si è svegliato dal sonnellino e, ancora forse prigioniero di qualche sogno, ha iniziato a dire che voleva il ciuccio.

Che lui, il ciuccio, non lo ha mai portato.

Che la bocca tutta intera per tenerlo, ancora neanche ce l’ha.

Che quando la logopedista ci diceva che sarebbe stato meglio farglielo portare, per rinforzare la muscolatura delle labbra, e tentavo di legarglielo dietro la testa con un elastico, sembrava Hannibal the cannibal e piangeva come un disperato.

Che nel tempo ne abbiamo provati mille, fatti a goccia, di gomma, di caucciù, di vattelapesca, ma nulla.

Tutti sputati con disdegno.

Ma ha tanto insistito e tanto chiesto, che abbiamo preso la scatola dei ciucci falliti e gli abbiamo detto

Scegli.

E lui ne ha preso uno, se lo è ficcato in bocca ed è corso a guardarsi allo specchio.

L’effetto era quello di un nano adulto col ciuccio.

Non gli è importato.

È voluto uscire di casa col ciuccio.

Per altro portato di traverso, nella schisi sinistra, con un fantastico e esilarante effetto Popeye con la pipa.

Lo ha tenuto una buona mezz’ora.

In silenzio.

E improvvisamente mi sono resa conto quanto stanno zitti e buoni i bimbi col ciuccio.

A un certo punto mi ha fatto:

ghighi gogo shchhraghiago?

Come?

Ghighischrhrsch gogo?

Tesoro, col ciuccio in bocca non si capisce nulla, se vuoi parlare devi restituirmi il ciuccio. Se invece vuoi tenere il ciuccio devi stare in silenzio.

Si è tolto il ciuccio di bocca, me lo ha infilato in borsa e non si è più chetato per tutta la sera.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Col ciuccio

  1. Il Vate ha detto:

    No, Guccini cantava “bisogna saper scegliere IN tempo”. (Eskimo)

    • pensierini ha detto:

      QUEL tempo non c’è mai stato

      • Il Vate ha detto:

        E allora? È la citazione di Lucia che è sbagliata. Guccini in “Eskimo” cantava “bisogna saper scegliere IN tempo / non arrivarci per contrarietà”, che ha un senso un po’ diverso dal “bisogna saper scegliere IL tempo” che ha scritto lei.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...