Il lione

C’è un lione in cucina.

Vive nella piccola tana di Frida, la gatta, l’ha scoperto il piccolo.

Lo sorveglia ogni giorno, con circospezione.

Il piccolo ama i leoni, vorrebbe essere uno di loro, sostiene, in effetti che sia così.

Io sono un lione!

Afferma brandendo un chupa-chups.

E questo lecca lecca a pallina me lo mangio in un sol boccone! Aaaaaaa!

E gira per casa come se fosse nella savana.

Ci difende dai coccodrilli affamati, scaccia la gatta con coraggio dalla sedia, salvo poi chiedere il bacino sul ditino se la gatta in questione si difende.

Adesso il lione titolare è malato, sotto antibiotico e aerosol, smoccica e tossisce come un vecchio ma almeno la febbre è passata.

Chiuso in casa da giorni, il lione si sente in gabbia, però ha imparato una cosa demoniaca: può arrivare dove vuole spostando una sedia.

Mentre sono lì che cucino me lo vedo spuntare, mentre HDC lava i piatti arriva e chiede che fai? Mentre annaffio le piante giunge implacabile: anche io!

È un leone insomma assai bipede e assai curioso.

Sul coraggio ci deve ancora lavorare.

L’altra sera l’abbiamo beccato che faceva le pernacchie davanti a una stanza buia.

A chi le fai le pernacchie?

Al buio!

E il buio ti risponde?

Babbo, non è mica un bambino!

Sipario.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Il lione

  1. pensierini ha detto:

    Ma no, che è coraggioso, il tuo sfacciato e sfrontato Cuordileone. :-)

  2. donna allo specchio ha detto:

    che coccolo il nostro lione

  3. marcoghibellino ha detto:

  4. marcoghibellino ha detto:

  5. Otto ha detto:

    “mentre HDC lava i piatti” Ma non avete la lavastoviglie? :-o

  6. Federica ha detto:

    I miei facevano sempre lo scherzo: “Mamma, c’è un lione dietro di te, poi era la volta della tigre e via dicendo una giungla di animali. E io fingevo talvolta di essere impaurita, talvolta di essere pronta a combattere per difendere me è loro.
    Fino al giorno in cui io stavo innaffiando il giardino di casa a Massaciiccoli e loro mi dicono : “Mamma ci sono due serpenti dietrrrrro di te” E io: “Uhhh! Che paura, ora rientro subito in casa da voi!” Loro insistono, mi volto, seguo il loro dito indice r vedo due serpentelli, frustini di circa due metri l’uno che si rincorrono e avvoltolano uno intorno all’altro sulla nostra terrazza di casa. Ora sono molto rilassata nel racconto. All’epoca ho cacciato un urlo clamoroso e ci siamo rinchiusi in caso fino al ritorno di papà. (Non sono esperta di serpenti ….. …non sapevo proprio di cosa si trattava!”

  7. Isa ha detto:

    Esiste anche il leone del Mago di Oz, nn sarà certo un esemplare unico ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...