Fuga

Capita a volte. 

Troppe cose da fare, da tenere a mente, da ricordare, qualche tranvata in fronte, qualche veleno gratuito della campagna elettorale (era da mettere in conto ma fa male uguale), troppi impegni tutti insieme. 

E alla fine di uno di questi, un martedì mattina di cielo azzurro, ti ritrovi senza quasi ricordare come mai da quanto sei stanca, a Grosseto e c’è il sole e tira un bel vento fresco e decidi che potrebbe anche essere arrivata l’ora, l’ora di fuggire per un pochino. 

E allora entri dentro un negozio e compri un costume a caso, un asciugamano brutto e scappi al mare, al mare che non delude mai. 

E ti tuffi, nell’acqua fresca, nuova, la prima di stagione e senti che il sale asciuga le lacrime, l’acqua lava i pensieri, il corpo galleggia insieme alla mente. 

E ti scopri a guardare l’orizzonte e a sorridere, pensando a chi sei e a chi hai con te. 

Così ti asciughi, prendi per mano il marito e vai a cercare un buon ristorante. 

Poi insieme a recuperare il piccolo dalla nonna. 

E tutto torna a posto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Fuga

  1. pensierini ha detto:

    domani anch’io. almeno ci provo, a lavar via i pensieri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...