Da nonna, di nuovo

Siamo di nuovo qui, col primo caldo e i primi pantaloni corti.

Il piccolo è cresciuto come un fungo nell’inverno cittadino e adesso l’erba pare meno alta. 

Corre come un missile e ride come un pazzo. 

E sono sicura che a nonnaida sarebbe piaciuto da matti. 

Anchea lui, come a tutti noi, avrebbe preparato un asciugamano a Natale, anche a lui avrebbe cotto torte di mele e conigli al forno, anche a lui avrebbe chiesto, la sera “quando torni?”

È così la penso annaffiando le sue ortensie e le sue rose, chiacchierando col nocello che mi ha visto bambina, tirando la palla a un bimbo sporco e felice. 

Un prato e un albero dovrebbero essere diritti imprescindibili di un bambino, di ogni bambino. 

Dove pascolare sogni, ginocchia lerce, dita nel naso e sandali impolverati. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Da nonna, di nuovo

  1. AD Blues ha detto:

    Proprio vero.

    —Alex

  2. pensierini ha detto:

    Sì. Oltre ad acqua pulita, cibo nutriente, medicine e rispetto.

  3. Tiziana ha detto:

    Esatto, RISPETTO!!!

  4. Giustino Gramaticopolo detto GG ha detto:

    “Lercie”? Come traccie, treccie, spiaggie e striscie? :D http://www.sapere.it/sapere/dizionari/dizionari/Italiano/L/LE/lercio.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...