A pallettoni

Sarà il cortisone, saranno i cinque giorni lontano dall’asilo, sarà che cresce, ma è carico come una mina. 

Come un cocainomane vive tutto amplificato, non smette mai di muoversi, di procurarsi guai, di imparare nuove parole e nuovi concetti.

Così la sera sveniamo alle 21.36, un minuto esatto dopo di lui, dopo aver letto libri, cantato canzoni, rincorso gatti e aver inscenato storie d’amore romantiche fra galline di legno (lo confesso, il mio gioco preferito).

Dice va bene così, dice che lo fanno tutti, dice che dovrei preoccuparmi del contrario.

Ma qui urge allenamento fisico e mentale, o questo qui, come dicono a Livorno “ci mangia e ci ricaa”!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

8 risposte a A pallettoni

  1. marcoghibellino ha detto:

    Beati voi che almeno vedete crescere il pargolo e sarete stanchi ma con un sorriso…

    ” Come un cocainomane vive tutto amplificato, non smette mai di muoversi, di procurarsi guai,”
    questo a me lo fa mamma con problemi di memoria a breve termine =.= ieri mi ha fatto impazzire

    • pensierini ha detto:

      ci sono passata, è un momento terribile :-(

      • marcoghibellino ha detto:

        ho notato che il problema peggiora quando cambia il tempo , oggi , tempo bruttino ma stabile,ci siamo divertiti, abbiamo (quasi) finito di fare l’orto nella sua terrazza UU 2 pomodori costoluti tipo Miranda 1 sammarzano 2 basilichi 1 peperoncino naso del diavolo 1 cayenna lungo prezzemolo (domani altro miranda e 1 tipi di cetriolo poi, quello che Ma chiama il suo orticello di guerra ^^ è finito. UU noi lavoratori dei campi dobbiamo nutrirci ergo ho fatto gnocchi ( giovedi gnocchi) al gorgonzola (di capra ) burro latte aglio salvia gorgonzola sale pepe poi generosissima grattugiata di caprino stagionato; poi, poichè gli gnocchi sono un pò pesanti per digestivo Fegatelli!
        Paolo ( mio fra detto l’incontentabile) va bene il pranzo?
        Munch munch munch uncìèmale munch munch

        lo prendo per un si

  2. donna allo specchio ha detto:

    coraggio a te lucettina anche se i momenti sono lieti, ma è sempre stancante e a te marcoghibellino perchè è dura, specie vedere qualcuno che ti ha cresciuto e a cui un tempo ti sei appoggiato tu

  3. Come pediatra prescrivo alle mamme di lasciar giocare i bambini da soli, non eccitarli o ipersollecitarli con giochi guidati o organizzati . Il bambino va lasciato giocare da solo, non si deve essere sempre presenti. Questa errata convinzione contemporanea ha generato un problema che si sta ponendo in maniera massiccia alle scuole primarie, quando i bambini, abituati a un simile modello educativo, sono ipercinetici, richiamano continuamente l’attenzione e non sono capaci di autonomia.

  4. Gianc. ha detto:

    ma MAGARI lo facessero tutti… a quell’eta’ i miei prima delle 11:00 non battevano neanche le palpebre per non rischiare di chiudere un po’ gli occhi… ma beati voi! (E” un po un ariconsolasse co’ l’ajetto, mi rendo conto)…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...