fantasia al potere

il principe sta iniziando a parlare per prove e tentativi.

la bocca che ancora non è finita, il naso che si ritrova, un orecchio che ancora non ci sente al 100% un pochino mi mettono ansia, ma mi entusiasmo per una parola detta bene e cerco di non pensare alle tante parole dalle vocali scambiate come se fosse la settimana enigmistica.

le pecore fanno biiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii..

il papà si chiama mambu.

ultimamente abbiamo scoperto che “macco” vuol dire formaggio e da tempo si sa che “cocco” sta per biscotto.

per il resto mima con arte tutto quello che vuole, cosa che non lo aiuta a sforzarsi di trovare la parola giusta.

ansima tipo cane se ha sete, indica il pavimento e dice perentorio “MU!” se vuole scendere “giù”, mima il suonatore di violino se vuole guardare il maestro muti su youtube, indica se stesso quando vuole che una cosa sia data a lui.

e per il resto inventa.

l’altro giorno mi sono divertita a fargli leggere una frase di un libro.

si tratta di un libro, diciamocelo, bruttino, che non sa di nulla e che lui ama alla follia e che mi fa ripetere mille volte al giorno.

è la storia di un orso culone.

così, stanca di leggerlo ho proposto: “facciamo che me lo leggi tu!”

e ho preso a indicare ogni parola col dito e a fargliela ripetere.

“baba…” (nome dell’orso culone)

e lui:

“ba…ba!”

“è…”

“è…”

“un…”

“un…”

“orso…”

“osso…”

“speciale..”

“spsagglalllu”

“e…”

“e…”

“sempre…”

“empe…”

“disponibile…”

“dugoalandlamla…”

“ad..”

“DA!”

“aiutare…”

“mammlalallaa..”

….ehi! ma stai inventando?

“ballocoppo!”

un giorno lo so, mi dirà

“stinasti?”

“eh?”

“puppaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!”

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a fantasia al potere

  1. AD Blues ha detto:

    Ne sono convinto!

    —Alex

  2. pensierini ha detto:

    Lui mima e ottiene, allora voi fate finta di non capire, così si sforza di parlare… perfidissimo, lo so, ma da fare solo qualche volta, per poco tempo, per gioco… ;-)

  3. Angela ha detto:

    La terza dei miei figli parlò finalmente verso tre anni e solo perché la maestra l’ aveva chiamata ” bombolicchio”. Immusonita rispose ” bombolicchio te” e non si è più chetata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...