Il post di oggi ha una lieve complicazione…

Ho un gatto nero addosso.

Che non si muove neanche con le cannonate. 

Lo sguardo minaccioso, le fusa al massimo, le unghie fuori che puntano dritto al cuore. 

Ogni tanto Frida recupera un pochino di spazio. 

Quando il piccolo dorme, quando è all’asilo, quando è impegnato a far rumore con qualcosa, la gatta riprende il suo posto preferito addosso a me. 

È molto paziente, Frida gattonero, e sa aspettare il suo momento, sempre che non si tratti di croccantini, in quel caso non sente storie. 

E ogni tanto, un gatto acceso aiuta a sciogliere i pensieri, come i suoi muscoli rilassati.

Sono così stanca che mi acciambellerei anche io sopra di lei a fare il gattonero, magari dormendo al sole di una giornata che si allunga come la schiena di un gatto. 

Rrrnnnnnnnnn….

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Il post di oggi ha una lieve complicazione…

  1. marcoghibellino ha detto:

    =.= caffè – fare entrare Zorrogattoneropeloso – medicareferitenotturnediZorro , altro caffè poi la scoperta dell’equazione
    http://www.atrieste.eu/Foto/A002/arbusti/sablici179.jpg sta a

    come
    ME = http://www.t-mag.it/wp-content/uploads/2013/02/urlo_munch.jpg

  2. marcoghibellino ha detto:

    LE LAPPOLE ! <.#§?%£@!!!
    =.= credevo che questa malefica pianta fosse estinta
    ho affrontanto il disastro (6 lappole di cui 3 locate molto vicino a gioielli di famiglia di Zorro ) con la consueta dotazione :
    1) guanti in cuoio da trattorista
    2) pettine metallico
    3) forbicine (cercando di non usarle)
    4) spazzola speciale per pelosi
    5) 2° caffè … corretto! per me

    come è facile dedurre lìespressione di Zorro NON era questa

  3. marcoghibellino ha detto:

    tanto che spesso fantastico di…

  4. Giuseppe ha detto:

    A proposito dell’amore per i figli….
    Veglia (1992), un messaggio di condanna di qualsiasi tipo di violenza. È la storia di una madre senza nome, vedova, con due figli. Il minore si macchia dell’assassinio di un bambino di due anni. La domanda-chiave che la madre si pone è: «Madonna del dolore, posso pregarti per il mio figlio assassino?»

  5. marcoghibellino ha detto:

    sempre meglio di me che avrei detto:
    Ma Madonna ….. !!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...