il gioco dello stecchino

sto partecipando a un gioco a casa, ma non ditelo ad HDC.

credo sia un gioco al quale partecipano tutte le coppie, non importa il sesso o il motivo della convivenza: ci gioca chiunque condivida il bicchiere degli spazzolini.

il gioco si chiama “quello che finisce il dentifricio”.

è molto simile al gioco dello stecchino, non so se ve lo ricordate: al mare, una montagnetta di sabbia e in cima uno stecchino. a turno ognuno toglie una manata di sabbia, poi man mano che ci si avvicina allo stecchino le manate si fanno sempre più piccole, fino a essere piccoli sospiri di granelli di sabbia, sperando che a far cadere lo stecchino sia il bimbo grasso col costume blu seduto accanto a noi.

quello del dentifricio segue la stessa logica.

all’inizio del tubetto si spreme con poca attenzione, anche da metà tubetto, cosa che non sopporto ma che volete, l’ho sposato e me lo tengo (sì, LO SO, ora i tubetti sono di plastica, mi dà noia uguale), dicevo, si spreme con generosità, si fa un lombrico su quasi tutta la superficie dello spazzolino e se ne cade una caccola nel lavandino pazienza.

poi le dosi si fanno man mano più misurate, parsimoniose, attente.

fino al momento climax.

quando apparentemente nel tubo c’è rimasto solo il ricordo, del dentifricio che fu.

lì occorre andare di pazienza, spremere dal basso verso l’alto quello che sappiamo vuoto per far arrivare, al collo del tubetto, abbastanza prodotto da far uscire il minimo per la sopravvivenza di quella spazzolata.

una volta ottenuta l’agognata pasta si aspetta che il turno torni a noi, sperando che nel frattempo il metaforico stecchino sia caduto e al malcapitato sia toccato in sorte di cambiare il dentifricio con quello di scorta messo lontanissimo… tipo nel mobile che sta sotto il lavandino.

ma no, anche il perfido marito conosce l’arte dello strizzo inverecondo e la mattina alle sette e mezzo, prima di uscire di casa, coi capelli tenuti col bostik e gli occhi ancora cispiosi, tocca di nuovo l’arte dello spremere, il vergognoso raccattar di ombre dentifricie, culminante nell’infilare le setole dello spazzolino a grattare il collo, pur di lasciare al prossimo l’incombenza cambiatoria e smaltitoria.

tutto questo fino a che, il vincitore morale, una sera non entra in bagno e lo trova, appena aperto, gonfio, ricolmo di delizia come una cornucopia da dentisti, e gongola a denti stretti.

fino a che non si gira e trova, sulla mensola, il cadavere del vecchio dentifricio e la scatola di cartone. la vendetta del perdente.

pure due cestini diversi serviranno…

ps: il gioco vale, è il caso di dirlo, mutatis mutandis, anche coi rotoli della carta igienica.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

4 risposte a il gioco dello stecchino

  1. Angela ha detto:

    Urleranno:” nonnaaa, è finita la carta “

  2. pensierini ha detto:

    Sei un mito! :-D L’abitudine di casa nostra è meno interessante. Dato che sono io quella che passa più tempo in casa, faccio così: quando il tubetto o il rotolo stanno per finire (e ho il tempo di farlo), ne preparo in anticipo uno nuovo nelle immediate vicinanze, così siamo già a metà. L’altra, lo smaltimento del vuoto, con comodo, sempre quando ho tempo e voglia. Stessa procedura per le saponette e lo shampoo o bagnoschiuma. Ci vogliono mensole un po’ più grandi :-)

  3. silvia ha detto:

    Ti consiglio la mossa finale: taglia il tubetto vicino al tappo (con quelli di plastica viene ancora meglio) e poi scavi da dentro (lasciando chiuso il tappo! :)

  4. laperfezionestanca ha detto:

    Noooooo, con la carta igienica nooooo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...