Piove

Piove, urla il cielo, tuona, tromba, scroscia.

Un tuono più forte sveglia il piccolo, che non ricorda il temporale, non capisce e piange, incredulo.

“Sono i frati che rotolano le botti” avrebbe detto mia nonna. 

Poi il vento. 

Forte, troppo forte, che mescola i sogni, ne porta di nuovi, interrompe quelli che vorresti continuare.

Un vento da alzarsi, chiudere le persiane prima che vengano portate via, verso il mare, dove già sta andando il fiume ingrossato dall’acqua e dai tronchi strappati con forza. 

Un vento che non fa dormire, che arruffa i pensieri, annoda i capelli sul cuscino.

È lunedì, e da dietro i comignoli della finestra di cucina spunta un pochino di cielo azzurro, da contemplare come una scampata, alla notte che ha mescolato cielo e terra. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...