Ieri

Ieri mi è capitato di parlare con dei ragazzi rifugiati a Lucca. 

Tutti molto giovani, tutti africani, tutti che avevano voglia di parlare di razzismo, integrazione, incomprensione. 

Ho detto loro che gli potrà capitare mille volte che qualcuno li tratti malamente perché neri, perché stranieri e perché diversi. 

E loro avranno mille volte voglia di dare a questa gente una testata data bene. 

Mille volte. 

Millemila volte.

Ho chiesto loro, prima di sferrare la testata, di fermarsi a pensare. 

Loro hanno attraversato il mondo. Il deserto, i fucili, il mare, la paura, la disperazione.

Loro hanno avuto la maestra più feroce di tutte: la vita. A diciassette anni hanno più storie da raccontare di un vecchio. 

E chi gli inveisce contro per strada non è mai stato neanche a Lamporecchio.

e quindi, davanti al prossimo insulto, davanti al prossimo sputo, davanti alla prossima parola cattiva, quello che devono provare non è odio.

Ma pena.

E, se vorranno, potranno tendere a questi animali che si troveranno di fronte la mano, e se hanno tempo, spiegare loro cosa significhi la parola “sopravvissuti”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Ieri

  1. AD Blues ha detto:

    Il tipico razzista di Lamporecchio purtroppo non capirebbe un tubo della spiegazione del rifugiato.
    Hanno troppi paraocchi e spesso tappi nelle orecchie per non vedere e sentire ciò che non gli fa comodo.
    Anzi, di fronte al gesto della mano tesa andranno in giro a raccontare di aver subito una tentata rapina!

    —Alex

  2. nonsonosola63 ha detto:

    La vedo dura, sono da cinquanta anni in toscana e mi sento ancora una straniera!

  3. marcoghibellino ha detto:

    io sono a favore del valore propedeutico e pedagogico del cazzotto, ma sai sono opinioni , sarà che storicamente il porgi l’altra guancia non ha mai avuto un gran successo

  4. marcoghibellino ha detto:

    Da Il Fatto
    Prefetto di Ferrara: “Reazione sconcertante della popolazione di Gorino”
    “L’ipotesi di ospitare dei profughi a Gorino non è più in agenda. Ha prevalso la tranquillità dell’ordine pubblico, non potevamo certo manganellare le persone” ha spiegato al Gr1 il prefetto di Ferrara Michele Tortora

    mio commento su Il Fatto

    le manganellate si danno ai disoccupati mica ai razzisti! comunque ci ricorderemo di tutto questo cari abitanti di Goro quando cercherete solidarietà ed aiuti alla prossima alluvione

  5. giovanni ha detto:

    c’è troppa indifferenza verso questi poveri ragazzi…..non meritiamo il paradiso.

  6. marcoghibellino ha detto:

    altro terremoto , nelle marche.
    Dio, allunga il tiro, Goro è più in alto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...