Per un punto…

Eccomi qui, con un ditone e un’altra storia assurda da raccontare. 

Pensavo che farmi mordere da un polpo sarebbe stata la cosa più assurda che poteva essermi accaduta, mi sbagliavo.

Ieri mi sono maciullata una falange del mignolo sinistro con un tavolino di plastica. 

Mentre lo montavo ci sono tragicamente caduta sopra e un pezzo del tavolino mi ha schiacciato il povero ditino.

Accorso in seguito all’urlo di TARZA, HDC mi ha guardato e serio mi ha detto: “bene, ti porto al pronto soccorso”.

Io non avevo guardato il dito, ma diciamo che più che una frase del genere mi aspettavo una cosa del tipo “sei la solita esagerata, non è nulla!”.

Invece veder partire HDC, ficcarmi in macchina e guidare come se avessi le doglie verso il san luca non mi ha molto tranquillizzata.

Sono arrivata al pronto soccorso e, mentre HDC parcheggiava, ho detto all’ingresso: “non lo so di preciso ma temo di essermi staccata la punta di un dito”.

L’infermiera ha aperto il pietoso cartoccio, fatto dal marito per nascondermi la vista del dito smaciullato, ha pulito, ha messo lo iodio e mi ha dato il numero 801, codice verde. 

Erano le sette e mezzo. 

Quando il dottore è riuscito a vedermi erano le dieci di sera, avevamo guardato le ginnaste alle olimpiadi e fatto amicizia con una bimba di due anni (che pare sia stata molto più buona di me) e tre americane di cui una aveva qualcosa in un occhio. 

Il dottore ha sentenziato “ferita lacero conFusa, va cucita, ma prima ci vole la lastra!”.

Lacero conFusa, vi rendete conto? Con un tavolino di pRastica…

Ah, e l’antitetanica, naturalmente.

Coi risultati della lastra (nessuna frattura) siamo tornati dal dottore, che ha messo un punticino.

Ri-urlo di TARZA.

E adesso giro così, lacero contusa e con l’aria di chi ha superato una prova di grandissimo valore.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Per un punto…

  1. AD Blues ha detto:

    Ma Luci!!!

    —Alex

  2. Angela ha detto:

    Però brave le ginnaste americane, eh?

  3. marcoghibellino ha detto:

    occhio, le cose pieghevoli, brandine , sdraio, tavolini ecc sono cannibali
    il mio odio sviscerato va alle sdraio con braccioli , ne avevo due con annesso tavolino … dopo una violenta lotta nel fango per montarle…

    le ho INCHIODATE nella posizione voluta , sono rimaste anni nel giardino finchè le intemperie non hanno compiuto il loro lavoro
    MBWAHAHAHAH

  4. QZio alias Cugifà ha detto:

    eehhhhhh…..mai lasciarti sola

  5. donna allo specchio ha detto:

    povera!! rimettiti presto!! anche io detesto tutto cio che è pieghevole e come per gl’insetti lascio fare a chi è più bravo di me. Del resto fa parte della mia filosofia di vita, se posso affibbiare ad un altro le cose sgradevoli ben venga!

  6. marcoghibellino ha detto:

    PS
    quelle sdraio poi sono state utili alla fine …
    visto che erano di faggio

  7. pensierini ha detto:

    ok, niente di rotto, HDC è stato super prudente e un po’ super apprensivo :-)

  8. workinfrogress ha detto:

    Morsa da un polpo?
    Voglio la storia completa!
    :)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...