con la dolcezza si ottiene tuuuttoooo…

euchessinadopo alcuni giorni di studi di cacche, movimenti, appostamenti e ogni altra cosa che avrebbe fatto fieri di noi sia piero che alberto angela (sempre siano lodati), il topo semplicemente si è manifestato.

un topino piccino piccino, ma cacone cacone.

così la casa di nonna è stata definitivamente dichiarata zona di caccia al topo e si sono studiati i metodi migliori.

intanto le esche: sappiate che i topi sono golosissimi di cose dolci. la nostra prima scelta è andata sui gianduiotti. da bravi lucchesi abbiamo naturalmente messo dei gianduiotti scaduti, se erano ancora buoni li mangiavo io, a costo di rimanere nella trappola.

le trappole: incapace di far del male a una mosca, HDC ha comprato una trappola a igloo con le entrate fatte a nassa, e il signor Burberoni (in generale meno cuore tenero, ma in questo caso assecondando il desiderio del figliolo giovane marmotta) una trappola con la porta a scatto, fatta a gabbietta.

la prima notte la trappola è stata caricata a gianduiotto, ma l’infido torinese, complice il caldo, si è squagliato, restando appiccicato sul meccanismo che avrebbe dovuto far scattare la trappola, il topo se l’è mangiato ma poi è tranquillamente riuscito per dove era entrato.

la seconda notte HDC ha fatto una pallina di ricordi di infanzia: una rossa rossana del 1984 (rossane e gianduiotti mi mettono in mente una cara amica che vedrò presto… ciao Jane!) e con la rossana il topo è caduto in trappola.

stamattina, nella gabbietta, c’era uno sparuto e spaventato ratatouille, dalle orecchie rotonde, gli occhi neri e la lunga coda sottile. ci guardava come a dire: “passavo da qui per caso…”

il consiglio di famiglia riunito in seduta straordinaria ha deciso la condanna adeguata per il topo cacone: esilio in un bosco ad almeno tre chilometri di distanza.

adesso ispezione profonda e pulizia conseguente di casa di nonna, e ovviamente ulteriore ricerca di complici caconi, sperando di non trovarne più.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

8 risposte a con la dolcezza si ottiene tuuuttoooo…

  1. AD Blues ha detto:

    Esilio esilio esilio! :)

    —Alex

    PS = ciao Jane!!!

  2. Angela ha detto:

    Non vorrei scoraggiarvi ma un topino presuppone sempre una famigliola completa!

  3. pensierini ha detto:

    :-D niente formaggio?

  4. QZIO ha detto:

    povero topino abbandonato a se stesso, in esilio tutto solo, senza un riparo e nemmeno un sacchettino con qualche crosta di cacio …. un topino con un cuore in perfetta salute….. il rumore dello scatto della porta della gabbietta avrebbe fatto morire di infarto anche un leone

    che insensibile quell’HDC

  5. donna allo specchio ha detto:

    povero topino: vi capissco, i soli animali che riesco a far uccidere sono le mites alimentari che ci hanno costretto a gettare quasi tutta la dispenza. prego notasi il far uccidere: sono troppo schizzinosa per farlo io, quindi approfitto del santo biondino

  6. marcoghibellino ha detto:

    io ho i gatti ^__^ che, è vero che eliminano i topi ma a volte li portano in casa, (svegliandomi la notte per far vedere le prede ) dove dopo rocambolesche evasioni convivono anche per giorni ( e lucertole arvicole ecc =.= )

  7. marcoghibellino ha detto:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...