perché le parole sono importanti

su un forum che frequento dedicato alla labiopalatoschisi è saltato fuori il problema di come chiamare questo “difetto”.

molti infatti si sentono molto offesi da chi, non capendo al primo colpo cosa si intenda per “labiopalatoschisi” dopo mille spiegazioni ti guarda con un gran sorriso e fa “ah! il labbro leporino!”

io, a essere sincera, non trovo questa espressione particolarmente brutta, offensiva o volgare.

molto spesso l’ho usata e la uso, a volte storpiandola per scherzarci su, “bimbo leporino”, “bimbo leprottino”, o, come lo chiama il mago gattone “fischione”.

sono di fondo una persona piuttosto permalosa e non saprei dire cosa avrei preferito fosse successo a me invece che al mio adorato figliolo, forse lo vedrei diversamente, ma a me “labbro leporino” non dà fastidio.

mi danno più fastidio semmai, se proprio devo scegliere qualcosa, le espressioni del tipo “ma guarda, poi tornano ammodo” come fossero pantaloni rovinati in lavatrice, o come se alla fine avessi preso a sconto un capo difettato che aveva solo bisogno di ricucire l’orlo.

lui è lui, leprotto, fischione, labiopalatoschisico (lo sentite come suona brutto?) o come volete chiamarlo e me ne sarei innamorata anche se avesse avuto tre orecchie.

però capisco che a qualcuno possa dar fastidio e allora che sia necessario trovare dei termini più scientifici, asettici, che non suonino schernenti.

lo capisco anche se non lo condivido.

le parole contano, contano tanto, è vero, specialmente da ragazzini, ma ancor di più conta cosa ci si mette dentro alle parole, conta se c’è dell’affetto, o non, al contrario, cattiveria.

e forse è in casa che si riesce a crescere dei figli sereni e consapevoli del proprio essere.

esistono bimbi con il naso schiacciato e bimbe col naso gigante (ehm).

esistono bimbi grassi e magri, timidi e sbruffoni, coraggiosi o fifoni, con le orecchie a sventola o con l’apparecchio ai denti.

ognuno di loro è come è, e credo che dare loro gli strumenti per difendersi, che alla fine sono gli strumenti per amarsi, spetti soprattutto a noi.

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

7 risposte a perché le parole sono importanti

  1. tittisissa ha detto:

    Hai ragione tu. È l’amore con cui si pronunciano le parole a fare la.differenza non le parole in se

  2. pensierini ha detto:

    molto molto vero. ad esempio, io chiamo regolarmente una delle mie quinte ‘le mie bestiacce’ e loro non si offendono :-) tutto sta nel tono con cui le cose si dicono, anzi, per meglio dire, tutto sta nel rapporto che si è creato prima

    • donna allo specchio ha detto:

      fino a un certo punto!! la mia prof di educazione fisica mi chiamava bistecchina e anche se sapevo che lo faceva scherzando e non ci metteva cattiveria, io che ero un po robustina e molto goffa non mi offendevo, ma non gradivo certo di essere chiamata cosi. pero non potevo certo dirglielo perchè ero in una posizione molto inferiore, (eranogli anni 80 e c’era ancora un certo rispetto opicrisia, quindi anche se pensavo che la prof era una grande stronza e abuusava del suo potere, non glielo avrei mai fatto notare

  3. mimma ha detto:

    Una maestra, tanti anni fa, aveva in classe due gemelline lamentose e ogni tanto le chiamava “le gnagnere”. La madre andò a scuola a protestare e la maestra disse: Aspetti un momento. In classe gli alunni chiacchieravano lieti per la pausa.. e anche le gemelline. La maestra le indicò alla madre e le disse: Le sente? Non le chiamerebbe anche lei “gnagnere”? Tutto finì lì…ma erano altri tempi.

  4. EROS ha detto:

    … E Quando sei un bimbo bello e dolce e ti trovi rifiutato perché non dovevi nascere? Ancora peggio

    • letteredalucca ha detto:

      Hai ragione. È una fortuna che non capita a tutti, di essere amati e desiderati quando si viene al mondo. Ma la vita è lunga e ognuno di noi ha il compito di amare e di essere riamato, di cercare la felicità e di esserne fonte per gli altri. Ti auguro di trovare tutto questo, se ancora non lo hai trovato. Se invece lo hai trovato, ti auguro che ti riempia il cuore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...