odori

a casa di mia nonna, dietro il filo per stendere i panni, c’era il poggio con la salvia e il rosmarino. mescolati a loro la lavanda e un po’ più indietro mille gerbere colorate.

ogni tanto me ne regalava una, delle sue gerbere, che mi piaceva tantissimo, ma che faceva presto cadere la testa di lato, essendo la corolla troppo grande, per quell’esile gambo.

scoprii che i fiorai le tenevano dritte con piccoli fili di ferro, il busto ortopedico delle gerbere dalla testa grossa.

l’altro giorno abbiamo tagliato l’erba, dietro al filo dei panni, altissima e stopposa.

sono riemersi il rosmarino e la salvia, resistenti al tempo e all’incuria.

così ho comprato due piante di lavanda, una a foglie chiare e una a foglie scure, per rimetterle al loro posto.

non ho trovato i bulbi delle gerbere, credo sia troppo tardi, rimedieremo l’anno prossimo.

ma ho trovato menta, timo e maggiorana, da piantare sotto a qualche rosa, per avere odori profumati a portata di mano e di mezzaluna.

mi rendo conto che quello che sto cercando di ricostruire è un monumento ai ricordi di una nonna speciale, forte come un albero e schietta come un bicchiere di vino.

ma poi so che i ricordi nuovi si mescoleranno ai vecchi, piano piano anche gli odori si imbastardiranno, la mia vita incontrerà la sua e nuovi polloni si intrecceranno sui vecchi rami.

così fanno le piante, così vorrei fare io.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a odori

  1. AD Blues ha detto:

    Se siamo saggi basiamo le nostre vite sui buoni esempi che ci sono stati donati dai genitori, parenti ed amici.

    —Alex

  2. pensierini ha detto:

    E poi adesso c’è anche un polloncino fresco, a portare odori inediti e nuovi. :-)

  3. marcoghibellino ha detto:

    I nonni, così importanti, mentre scrivo ho accanto la ” vetrina” che nonno costruì per il suo matrimonio, 1919, quando dopo aver scapolato la Grande Guerra, una ferita da “rotto della cuffia”, e la spagnola decise di impalmare la biondissima e longobarda Annina . Nonno era un falegname per cui al suo amore costruì una camera da letto completa e la vetrina , tutto molto art decò – a la contadina , con foglie di alloro e melograni incisi ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...