con una pala d’elicottero

fra i giocattoli del principe c’è un elicottero di legno fatto a “puzzle”: sono quattro pezzi, il muso, la coda, il carrello e l’elica.

sono arrivati da berlino, insieme alla scatola coccolona della bella giulia.

l’elica dell’elicottero però, si dia il caso che non sia semplicemente “l’elica dell’elicottero”.

è un coltellino svizzero, una spada, un pugnale, un martello, una chiave inglese del sei, una brugola, un mattarello, un grattino e mille altre cose ancora.

il principe non va mai al lavoro senza la sua amata elica d’elicottero.

in una giornata le cose da fare sono molte, e con quella riesce a fare tutto quello che vuole.

cambiare il carburatore alla sdraietta, operare d’appendicite l’elefante blé, rincorrere il gattonero per farlo al forno con le patate, aggiustare la convergenza del bruco a dondolo.

veramente una grande mole di lavoro.

il luogo di lavoro del principe è un puzzle colorato ufficialmente comprato per farlo gattonare ma trasformato dal principe stesso in officina.

ci aspettiamo da un giorno all’altro di veder comparire i calendari con le donne nude sulle pareti del box.

quando c’è bisogno di aggiustare una cosa, basta presentarsi al bordo del tappetone con la cosa in mano.

il principe vi verrà incontro con l’elica in mano e guarderà il da farsi.

poi agguanterà quello che dovete aggiustare, lo squadrerà per benino, lo batterà per terra per vedere se resiste e poi sentenzierà:

“ok, torna domani, fanno un gelato e una macchinina a carica”.

e palpandosi il pannolone piscioso gattonerà verso il suo antro per vedere il da farsi con aria seria e pensierosa.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a con una pala d’elicottero

  1. AD Blues ha detto:

    Non riesco a smettere di sorridere.

    —Alex

  2. pensionata ha detto:

    Piccoli meccanici crescono…e riusciranno anche ad affascinare le clienti con un sorriso strepitoso!

  3. pensierini ha detto:

    I giocattoli di legno tedeschi, danesi & Co sono i più sicuri e i più robusti, costano un bel po’ ma sono indistruttibili. Idem i LEGO. Niente a che vedere con le cineserie da bancarella, che si rompono solo a guardarle e poi ci si fa pure male. Che bello il tuo lavoratore. Ma davvero riuscite a lasciarlo nel box, con i suoi giocattoli? Mio figlio mai, al massimo acconsentiva a starsene (per un po’) con i suoi giocattoli sulla trapuntona matrimoniale stesa a terra, ma ben presto si stancava e fuggiva, di solito in cerca di cassetti e di sportelli da aprire e da esplorare, di coperchi e simili da sbatacchiare :-)

  4. emilia ha detto:

    Bellissimo questo post!
    (però perdona, ho dovuto pensare ad una locandina elettorale: “Un principe meccanico” … )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...