come un ladro

con estrema prudenza, brandendo una radiolina in una mano e un accappatoio nell’altra, lucettina si avvia in bagno.

accende la stufina, apre l’acqua calda, studiando la radiolina come si guarderebbe il monitor del proprio elettrocardiogramma.

si spoglia di corsa, ogni istante è prezioso, e si infila sotto l’acqua senza aspettare che sia abbastanza calda, il bisogno della doccia essendo più forte del desiderio di tepore.

“e se si sveglia?”

pensa mentre si bagna la testa.

“cosa lavo per prima?”

decide mentalmente una scala di priorità da riutilizzare anche in caso di sisma e velocemente passa acqua e sapone secondo quella lista assurda da allegro chirurgo.

insaponata e sciacquata indugia un secondo.

forse può stare ancora un pochino sotto il getto caldo dell’acqua.

ma subito ritorna in sé: e se poi non può asciugarsi i capelli?

meglio sbrigarsi.

esce, si veste senza riuscire ad asciugarsi per bene, lasciando che calzini e pantaloni protestino per l’umidità della superficie contro la quale sono costretti a scorrere.

si asciuga i capelli.

è andata.

la radiolina tace.

il bagno è tiepido.

chiude gli occhi un secondo, e prende una decisione difficile.

apre il tubetto, lo spreme e con somma soddisfazione si lava i denti.

dieci minuti di spa indimenticabili.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a come un ladro

  1. AD Blues ha detto:

    Il piacere delle piccole cose ;)

    —Alex

  2. Francesca Merlini ha detto:

    Non sai che gioia quando ho scoperto che il mio bimbo si rilassava con il suono dell’acqua chdella doccia: lo piazzavo in mezzo al bagno legato nella sdraietta e mi facevo una doccia interminabile mentre lui se la dormiva…una goduria!!

  3. pensierini ha detto:

    Eh, so cosa vuole dire :-) Io ho tagliato i miei capelli lunghissimi proprio quando non ho più avuto il tempo di asciugarli a dovere: son first of all! :-)

  4. donna allo specchio ha detto:

    scusate la nota provocatoria, ma è quando leggo post di questo genere che mi dico :”che bello non essere mamma”!!!!

  5. donna allo specchio ha detto:

    semplicemente perchè so che nun gne l’avrei potuto fa lenta come sono sotto la doccia lol ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...