l’apocalittica caata

voi mi direte che mi avevate avvertito.

ed è vero.

è anche vero che le caate di un bimbino non sono esattamente argomento da premio pulitzer o degne di cronache di qualunque entità, sia pure di un modesto blogghino.

il fatto è, signore e signori della giuria, che questo blogghino racconta la mia vita e la mia vita, da qualche settimana, ruota intorno a un microbimbo, composto essenzialmente da un tubo digerente (la cui prima estremità è, oltretutto, da sistemare) e da un corpo intorno che sta crescendo, esclusivamente in base alla funzionalità del tubo di cui sopra, per cui posso ben dire che i miei giorni siano catalizzati da alcuni momenti particolarmente importanti: dar da mangiare al tubo, pulire il bimbo da ciò che dal tubo esce dopo alcune ore.

il bimbo in questione è anche sotto antibiotici per via di una bronchite che non passa ancora, e in qualche modo anche il pediatra mi aveva avvertito:

“si procuri i fermenti lattici… ce ne sarà bisogno…”

aveva detto.

quindi stamattina, quando l’ho preso in braccio e mi sono suonate fra le mani le trombe del giudizio mi aspettavo qualcosa del genere, ma la realtà è riuscita a superare anche la più fervida delle fantasie.

mai avrei immaginato, sospettato, anche solo lontanamente pensato, che un biNbo così piccino potesse fare un tale quantitativo di cacca.

che tale quantitativo di cacca, dotato di vita propria, riuscisse a spalmarsi su tutto il pannolone, riempiendolo fino a scoppiare, salire su per la schiena e lambire i capelli.

lasciando, ai due fantozziani genitori un’unica soluzione: il lavaggio del figliolo con l’idropulitrice.

mentre uno apriva l’acqua della doccia, l’altro teneva il merdoserrimo figliolo e entrambi pregavano il dio dell’idraulica affinché facesse arrivare l’acqua calda prima del solito (non so da voi, ma fra aprire l’acqua e averla calda a casa nostra passa un paio di mesi)  il figliolo, quel franti della popò, rideva.

il pannolone è stato incenerito durante un sabba di streghe.

i due genitori, dopo aver lavato, insaponato, sciacquato, asciugato, oliato e vestito il principe hanno deciso di andare al mare.

e di portare, naturalmente anche lui.

una caata del genere andava festeggiata.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

5 risposte a l’apocalittica caata

  1. AD Blues ha detto:

    Ho pianto dalle risate, perdonami ;)

    —Alex

  2. pensierini ha detto:

    mio marito chiamava il pargoletto Ciccio_Mangione_Cagone, ti basta? ;-)

  3. Kika ha detto:

    Sai che una volta da quanta cacca aveva fatti Simo non si sapeva da che parte prenderlo.. così ci sono prese le rise e dopo un po’ che simo ci guardava ha iniziato a ridere anche lui!!

  4. giorgiorgio ha detto:

    Il mio stamani si è alzato zompettando e dopo un po’ aveva delle macchie che avevano trapassato la tutina nella zona dei piedini. Fai te :/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...