a farneta

a farneta è stato un natale tiepido di sole.

la gatta priska col pelo nuovo, profumato di fieno, che dormiva sul muretto, un bimbo allegro, tutto da coccolare e portare a spasso, i regali, i brindisi, le coccole dei miei genitori.

dopo pranzo siamo stati a fare due passi, con il passeggino traballante sullo sterrato dietro casa.

la terra addormentata, l’odore di bosco, i cavoli di santina a fare compagnia al filare d’uva, farneta che rotola sotto ai miei piedi e scorre, come sempre, davanti agli occhi.

corte popolo, il panorama con la certosa, la chiesa, il cimitero, la discesa, il muro di cinta della strada che porta al mulino.

metri consueti, zeppi di ricordi di qualsiasi età e di qualsiasi stagione, le estati in bici, quella volta che senza freni con la bici di mio padre finii nel campo di grano dei frati, il giorno che mio fratello cadde nel fossetto di scolo del campo e ritornò su sporco come un maialino, ogni volta che al mulino sono andata a lavare vestiti e pensieri di ritorno da un viaggio lontano.

poi indietro, verso magazzeno, passando da san brunone, col campo verdissimo pieno di garzette, i prati a salire di nuovo verso casa che fra poche settimane si riempiranno di narcisi.

tutto da mostrare a un bimbo, troppo piccolo per non addormentarsi alla prima curva.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a a farneta

  1. AD Blues ha detto:

    Lo so che non ha senso e spiegazione scientifica ma son convinto che in una qualche maniera il ricordo di questi giri, dei posti che visita da addormentato, gli resterà impresso lo stesso.

    —Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...