caro pipporo d’uva

eccoci qua, noi due a lucca, te e norso a yerevan.

è chiaro che c’è qualcosa che non torna, ma è anche certo che le cose presto andranno a posto, prenderemo di nuovo un paio di aeroplani, voleremo da te, cercheremo di farti crescere un po’ quelle du’cosce smilze che ti ritrovi e poi finalmente torneremo tutti a casa, perché è così che deve andare.

nel frattempo, caro  pipporino, credo che sia il caso che io ti aggiorni un pochino sulla città dove verrai a stare, sopra a un arancio, con un gatto nero e uno grigio dato in subappalto alla nonnuth, nella stanza con gli elefanti.

intanto le belle notizie: anche quest’anno è fiorita l’olea fragrans, tu la sentirai l’anno prossimo, ma a me piace raccontartelo, perché è il mio odore preferito, profuma della marmellata di albicocche della nonna di valentina, che io non ho mai assaggiato ma se lo dice vale vuol dire che è vero, e profuma delle nostre giornate da ragazze, passate fra casa mia e lo studio suo, a chiacchierare, studiare, fumare, perfino, ma non preoccuparti, nessuna di noi due fuma più da un sacco di tempo.

il cielo si sta facendo nitido, è il premio di consolazione per l’estate che sta finendo, per la scuola che ricomincia, per il mare sempre più fresco.

dimenticavo che non sai cosa sia il mare, lo vedrai presto, è bellissimo e infinito, come certi sentimenti, e al mare c’è la sabbia, che è una cosa che serve per fare le formine, ci divertiremo un sacco.

altre cose ganze sono i fichi e l’uva maturi. neanche queste cose conosci, perché sei un pollicino, ma da nonna a farneta c’è abbondanza di entrambi e ti insegnerò a mangiarli quando sono caldi di sole, fino a scoppiare, fino a sentire la pancia così gonfia da poterci schiacciare una pucetta.

ci sono anche le giostre, e puoi stare sicuro che ci andremo. sono un posto colorato e rumoroso, che piace da matti da piccini.

per il resto la città ha bisogno di te.

c’è un sacco di gente ostile, egoista, ostinatamente centrata sul proprio ombelico, che non guarda più in là del suo naso, che non ha domande da fare e non ha risposte da dare, perché niente gli interessa veramente, a parte la cronaca locale, a parte qualche luogo comune e andare a messa la domenica, uscire, prendere le paste per pranzare dalla suocera e inveire contro il primo venditore di accendini che gli si para davanti.

c’è bisogno di un pippporo d’uva come te, che guardi le mura con quell’ironia che i tuoi occhi lasciano trasparire, e che con un sorriso le faccia diventare piccole piccole, da poter essere scavalcate anche da un bimbo fatto a forma di pipporo d’uva.

un bimbo che porti il mondo intero nel cuore, che sorrida e disarmi, che tenda una manina piccina picciò e che faccia un po’ ricordare a questi bottegai che tanti anni prima, anche loro sono stati pippori d’uva, pippori d’uva ai quali non importava da che parte del mondo venivi o di che colore eri.

perché i pippori d’uva come te sono i re del mondo, e al mondo appartengono, non a un confine disegnato con la penna, che nessuno in verità può vedere.

intanto ti aspetto, fai bei sogni.

per diventare un condottiero dal cuor di leone c’è tempo.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

7 risposte a caro pipporo d’uva

  1. i tuoi scritti. trasudano emozione. sono emozione.

  2. biba ha detto:

    Bellissimo Luci!! A. sarà un bambino molto felice con voi. E con i nonni, farneta, le gatte, lucca, il mare e tutto quello che gli farete vedere e assaporare. Porterà e riceverà tanta gioia e tanto amore per tutti voi! E anche un po’ per noi che questa avventura la stiamo vivendo giorno per giorno…

  3. AD Blues ha detto:

    Ben ritornati.
    Meno male che è rimasto Norso con lui!

    Mi sa che le cose che dici non sono vere solo per Lucca ma ormai tristemente comuni.

    La mia speranza è che le prossime generazioni, quelle che andranno a scuola e cresceranno con A. lasceranno finalmente da parte queste idiozie da provinciali.

    Un abbraccione, a presto. Occorre un’altra cena con la cultura!

    —Alex

  4. tittisissa ha detto:

    Dormi bene. Ti aspettiamo tutti picettino!

  5. donna allo specchio ha detto:

    a presto piccolino!!

  6. cugifà ha detto:

    e in pania?!?!
    a San Pellegrino?!?!
    Il lago santo?!?!

    MENO MALE CI PENSARA’ QZIO!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...