via, se proprio uno insiste…

Non che ci tenessi eh…

Via, proprio perché me lo avete chiesto, io, se era per me, sapete, mica l’avrei fatto… ma visto che insistete… :D vado di seguito a descrivere il piccolo A, del quale abbiamo una foto che a questo punto conosciamo direi bene, avendola aperta, guardata, ingrandita, rigirata, ritagliata, fotomontata, colorata.

Nella foto dorme, per cui il colore e il taglio degli occhi è rimandato alla prossima volta.

 

A è un piccolo principe, con tanti capelli (orgoglio di babbo), un lenzuolino con gli ippopotami, due manine dalle unghie cresciute, la faccia placida di chi dorme e ha tre mesi.

Ha preso le orecchie grandi da me e gli occhi rotondi da HDC.

Le mani sono invece esattamente quelle dell’angelo di rosso fiorentino, è geneticamente provato.

La pelle è quella delle pesche mature, la bocca arricciata assomiglia tutta a quella di una mia cara amica.

Ha il naso da pugile, il mento uguale a quello di un cugino di HDC e le basette le ha prese da napoleone bonaparte.

Avrà la dolcezza di emilia che nata a pisa vive a berlino, spero che abbia il talento di pancrazia e lo humour di zeta, vorrei che avesse la gioia di vivere che valentina di solito porta con sé, la saggezza sardonica di suo nonno, la forza di sua nonna. Gli auguro di amare e di essere amato, gli auguro l’intelligenza di mio fratello, la generosità delle sue zie, il talento culinario del nonno paterno e quello artistico della nonna di lui consorte.

Vorrei che fosse nerd, come gipo e alex e michela, che amasse i dinosauri e il DNA o anche, magari georges perec e italo calvino, vorrei che la zia C gli regalasse libri, come mi promise un giorno di mille anni fa davanti a un tè in belgio.

Vorrei che ci fossero sempre storie per lui, vorrei che avesse in tasca musica e sassi, e tappini e che amasse il mare e i pesci e gli orangoutan, vorrei che fosse gentile con gli altri, che conoscesse il mondo e che lo amasse, che si sentisse a casa ovunque perché ovunque amato.

Vorrei che imparasse le lingue degli altri, che fosse curioso e solare, che fosse sereno e divertito davanti al mondo e alle sue sorprese.

Vorrei che fosse qui.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a via, se proprio uno insiste…

  1. AD Blues ha detto:

    Con dei genitori così non potrà che essere un bimbo speciale.
    Abbracci a pioggia!

    —Alex

  2. Valeria ha detto:

    … e che, come la mamma, sappia riconoscere la poesia, nel mondo…

  3. Simona ha detto:

    che bello…sono commossa!

  4. margherita ha detto:

    Vicina! Io mi occupo della parte della musica, quella non mancherá! Ce lo vedo giá ad esplorare quell’ aggeggio strano e rumoroso con tasti bianchi e neri! :)

  5. tittisissa ha detto:

    Sarà tutto questo è anche molto di più. Sarà anche amante del buon cinema come la zia Titti (cioè me medesima), ma sopratutto sarà lì con voi. Presto ❤️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...