una caramella

lucca, giornata pesante, in un ufficio grigio, col cielo grigio e la pioggia, la pioggia la pioggia che non ne vuole sapere di smettere.

vicino a me un piattino con alcune caramelle, posate dalle signore delle pulizie.

sono particolarmente attratta dalle caramelle color anni settanta, quelle dalla carta marrone e bianca, con le ali croccanti come farfalle di plastica.

mi cade l’occhio su una che promette “ripieno al latte”.

non resisto, la prendo, la scarto e me la ficco in bocca, sorrido come una bambina.

è grossotta e zuccherosa, ma soprattutto contiene un mescolone di sapori, tutti rigorosamente artificiali, straordinari.

all’inizio è vero, sa un po’ di latte, ma subito dopo arriva un certo sapore di cocco mescolato a zucchero, e qualcosa scoppia in mente.

la caramella profuma di quando si arriva in spiaggia.

esattamente di quello, di quell’odore di crema solare, bomboloni, sale, cocco bello e elicriso sapientemente mescolati dai primi di giugno.

la caramella sa di passi sulla sabbia rovente, di palloni gonfiabili a spicchi rossi e bianchi, di formine, di rastrelli, palette e secchielli.

di costumi e asciugamani, di sdraio e di settimana enigmistica.

chiudo gli occhi e li vedo, tutti lì, a prendere il sole, a leccare un gelato, a saggiare l’acqua col piede insicuro.

sono appena arrivata, devo ancora spogliarmi, devo scegliere un buon posto dove stare, che sia vicino al mare, che abbia qualche tronco da usare come palo, che sia abbastanza lontano dagli altri bagnanti.

respiro, sento il caldo cuocere delicatamente la testa.

fuori dalla finestra piove, la mia scrivania è in disordine, ci sono mille cose da fare.

la caramella è finita.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a una caramella

  1. AD Blues ha detto:

    Dottoressa, dottoressa!!!
    Posi il secchiello e la paletta e venga in riunione! ;)

    —Alex

  2. Riccardo ha detto:

    stamani la giornata è iniziata con una leggera nevicata, l’aria in bici è frizzante come due mesi fa…che bello fiutare crema solare sale plovere di spiaggia rovente…grazie per la piccola gita, ora torniamo alla burocrazia infinita e al miraggio di una primavera bavarese..

  3. pensierini ha detto:

    Sei una poetessa. :-)

  4. Valeria ha detto:

    La caramella che fa fare training autogeno! La voglio:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...