lucettina habla espanol

nova yorke, undici di mattina, in ufficio con una collega.

la porta si apre e entrano due signori di evidente origine sudamericana, un uomo e una donna, con un mega aspirapolvere e cenci per pulire.

non parlano inglese,ci dicono soltanto “out, clean, clean!”

la mia collega  è stralunata, risponde loro in inglese che è l’orario sbagliato, che siamo al lavoro e che devono tornare dopo le cinque.

l’uomo rsponde in spagnolo che loro devono uscire alle quattro, e che mike ha detto loro pulire tutto.

ci guardiamo, non conosco nessun mike e neanche la collega. ci deve essere un errore, il palazzo dell’ufficio è condiviso fra varie aziende e verosimilmente c’è stato un errore di piani.

la collega glielo spiega in inglese.

il tipo risponde che non capisce.

la collega alza la voce.

io dico alla collega che non è sordo, è ispanico.

la collega alza le spalle.

ricordo dei tedeschi aver fatto lo stesso gesto, “qvuesto è zuo proplema, fraudelciaro!”

decido di lanciarmi.

parlo spagnolo. ah figurarsi. conosco tre parole, ma forse funzionano,  “mi scusi, non conosciamo mike, noi stiamo lavorando, sarà un errore”.

i due signori mi guardano come una compaesana, lei sorride come una bambina e sembra felice, lui ritenta in inglese, lo capisco bene, perché è un inglese bastardo, identico quasi a quello di un italiano.

mi dicono che tornano a sentire mike, se non li vediamo più vuol dire che si erano sbagliati, intanto have a nice day.

have a nice day… anche lei, signor ispanico con la paletta in mano e la voglia di sopravvivere qui, in mezzo ai mike e alla gente che non capisce.

gli americani ti chiedono ogni secondo “how are you” ma poi mica stanno davvero a sentire la risposta…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a lucettina habla espanol

  1. AD Blues ha detto:

    Gli Yankee sono un grande popolo gentile ma questa gentilezza è purtroppo solo la conseguenza della formalità e non di un vero interesse per gli altri.
    Strano perché nella loro lingua “I care” è più incisivo e potente dello stesso concetto espresso in qualsiasi altra lingua.

    —Alex

    PS = poi tra la gelida gentilezza formale ed il non-rispetto assoluto degli altri esibito dalla stragrande maggioranza dei nostri compaesani, non faccio grande fatica a scegliere.

  2. pensierini ha detto:

    E brava Lucettina, poliglotta e, soprattutto, gentile. :-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...