i ghiauli

un fine settimana bellissimo in südtirol e tirol.

trento, vipiteno, e poi innsbruck, seefeld, e längenfeld nell’ Ötztal, la valle dove hanno trovato Ötzti, l’uomo del similaun (pippone forse in futuro).

è stato bellissimo, il gluehwein ogni volta che lo desideravo e mille cose da vedere. l’unico problema è stato rappresentato dalla troppa concentrazione di italiani, ma anche di questo vi racconterò magari con calma.

quelli di cui vi vorrei raccontare stamani sono i ghiauli di seefeld, che in realtà si chiamerebbero “seefelder teufel”, i diavoli di seefeld, ma la mia nonna il diavolo lo chiamava il ghiaule e allora li chiamerò anche io così, perché mi garba assai di più.

la mia nonna, per la precisione, parlava proprio di ghiaule cane, una specie di bestemmia contro il maligno, così da potersi sfogare imprecando senza scomodare il padreterno che sul tema era narrato come assai suscettibile.

i ghiauli di seefeld appaiono per sankt nikolaus, sono brutti e pelosi e puzzano e hanno delle fruste con le quali schioccano i culi e le gambe della gente, nella fattispecie anche il mio, così che posso dire di essermi beccata le frustate del ghiaule cane.

tutte le valli della zona hanno i loro ghiauli, indipendentemente che si tratti di sud o di nord tirolo, visto che il ghiaule, diversamente dall’uomo, non si cura dei confini geografici.

la leggenda è legata a sankt nikolaus: da quello che ho capito, durante i tempi di carestia i ragazzi dei villaggi spaventavano la gente vestiti da diavolo e irriconoscibili.

fra loro però si nascose il ghiaule vero, e dovettero chiamare sankt nikolaus che lo scacciò.

da allora, per sankt nikolaus, i ghiauli passano di città in città e io li ho incontrati a seefeld, mentre bevevo la tazza di gluehwein numero ventitrè.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a i ghiauli

  1. marcoghibellino ha detto:

    splendide foto e splendida festa legata a cerimonie antichissime forse addirittura paleolitiche e diffusa in molte zone d’europa . Per esempio i Mamuthones e gli Issohadores (sardegna) ,i lupercalia romani , gli schemenlaufen (austria), mascarades ( p. baschi) ecc ecc

  2. pensierini ha detto:

    Bellissimi! E brava per il Gluehwein!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...